Non ho più lo stimolo di urinare

Buongiorno, ho 60 anni e soffro di ipertrofia prostatica da oltre 15 anni, annualmente effettuo il controllo, l'ultima eco del 20.10.2020 stima il volume di 110cc con nota voluminosa ipertrofia del lobo medio che solleva il pavimento vescicale.
RPM pari a 289/542 ml, diagnosi dell'urologo Prostata 2+1/2 fibro-parenchimatosa, regolare non dolente.

Mi hanno consigliato di fare la Turp ma volevo aspettare un miglioramento della situazione Covid e sono comunque dubbioso sul da farsi.

Assumo Alfuxosina e Permixon circa un mese e mezzo fa sono iniziati dei fastidi tra pene e scroto e una sensazione come se dovesse uscire del liquido dal pene, mi era già capitato in passato, il mio medico mi ha suggerito di assumere Ananase che non mi ha fatto nulla così successivamente sono andato dall'urologo che mi ha prescritto 10gg di Topster, (già assunto in passato) nel frattempo si sono aggiunti problemi anche allo stomaco, intestino, proctite e calore interno accentuato come se fosse in atto una grossa infiammazione, finito le Topster i fastidi sotto lo scroto sono migliorati, nel canale anale permangono gli stessi problemi di calore e da qualche tempo non ho più lo stimolo ad urinare sento solo un peso al ventre e allora capisco che che devo urinare, ques'ultimo problema può essere riferito ad un'infiammazione che tarda a risolversi o un problema alla vescica?

Mangio in bianco da circa un mese e non so come muovermi, se aspettare o richiedere un'altra visita urologica o se fare prima qualche accertamento.

Grazie mille.
Saluti.
[#1]
Dr. Giuseppe Saitta Urologo, Andrologo 1
Buongiorno Egregio,
considerata la sintomatologia e le dimensioni notevoli della prostata le consiglierei l'intervento di enucleazione di adenoma prostatico mediante utilizzo di holmium laser (HoLEP): si elimina con il laser solo la parte centrale della prostata che occlude il corretto passaggio di urina, col risultato di urinare decisamente meglio dopo. Unico effetto collaterale: eiaculazione retrograda, quindi non vedrebbe più fuoriuscire lo sperma dopo l'intervento. Nel link di seguito viene descritta dettagliatamente la procedura (anche se in inglese): https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30734073/
World J Urol. 2019 Nov;37(11):2451-2458. doi: 10.1007/s00345-019-02671-4. Epub 2019 Feb 8.
'En Bloc' HoLEP with early apical release in men with benign prostatic hyperplasia
Giuseppe Saitta et al.
PMID: 30734073 DOI: 10.1007/s00345-019-02671-4

Dr. Giuseppe Saitta

[#2]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno, in seguito ai sintomi sopraindicati e una spermiocultura risultante positiva a escherichia coli sto effettuando un cura antibiotica su indicazione dell'urologo che ha confermato l'idoneità all'intervento holep, successivamente mi metterò in lista per l'intervento, ho però qualche dubbio anche condiviso con il mio medico di medicina generale sull'inserimento della fibra laser nell'uretra che considerato le dimensioni ridotte del mio pene credo sia troppo grossa per il mio canale, in tal caso quali conseguenze potrei avere dopo l'intervento? Un'altro dubbio riguarda l'eiaculazione retrograda che ho già avuto nei periodi di assunzione di tamsulosina e avodart e l'orgasmo non era assolutamente soddisfacente, se avrò a che fare con la stessa situazione non è una bella prospettiva. Grazie.
[#3]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno,
ho effettuato la cura antibiotica e gli esami di urinocoltura e spermocoltura che non hanno evidenziato nulla mentre il PSA totale risulta 7.18 e il libero/totale 33.6.
Il precedente effettuato a inizio aprile era 6.74 e libero totale 27.9 precedentemente a marzo quando erano iniziati i disturbi era 9.28 e libero totale 24.5.
(nei periodi di normalità il mio PSA è al limite o poco superiore a 4.)
Nel 2018 ho avuto una manifestazione con le stesse caratteristiche durante le quali il PSA era salito a 29.3 e 25.4 e l'urinocoltura non aveva rilevato batteri ma mi avevano comunque prescritto cura antibiotica che non aveva risolto nulla.
Ho avuto i disturbi per mesi e poi sono scomparsi gradualmente.
Nell'aprile del 2018 ho fatto una risonanza parametrica che non ha evidenziato nulla di sospetto,
Ho tuttora gli stessi disturbi (ogni tanto sensazione di fuoriuscita di liquido dal pene, folate di calore nel retto e sensazione di pesantezza a livello anorettale) che avevo prima della cura antibiotica, potrebbe essere prostatite abatterica e come fare per saperlo e curarla?
è il caso di rifare la risonanza o fare la biopsia? Lo stress può contribuire in questa situazione?
Credo anche che prima di pensare all'operazione devo guarire da questa infiammazione.
L'ultima domanda se possibile è la stessa citata nel post precedente alla quale l'urologo che mi ha visitato ha omesso di rispondere e cioè se la fibra laser è più grossa del passaggio del mio canale uretrale cosa succede, viene lacerata? Questo per poter valutare come procedere.

Grazie infinite per qualsiasi consiglio.

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test