E’ stato presentato nei giorni scorsi al "Making Babies in the 21st Century" (“Fare fligli nel 21° secolo”), un forum pubblico tenutosi a Sidney,  un prodotto che avrebbe la capacità di bloccare gli spermatozoi, fungendo quindi da contraccettivo, e proteggere contemporaneamente da alcune malattie sessualmente trasmesse.

La sostanza dovrebbe essere inserita come una spugna o un anello vaginale 2-3 giorni prima del rapporto sessuale, si attiverebbe solo in contatto con gli spermatozoi e non avrebbe azioni nocive. Inoltre sembrerebbe efficace anche nel prevenire infezioni quali ad esempio quella da Chlamydia, che rappresenta una delle più frequenti tra quelle sessualmente trasmesse.

L’Autore dell studio ha paragonato questo prodotto alla “Bella addormentata”, in quanto si “sveglierebbe” solo al momento dell’inseminazione.

L’innovazione, rispetto ad un comune spermicida, è rappresentata dal fatto che non ucciderebbe gli spermatozoi, ma le sostanze che permettono ad essi di “nuotare” nell’ambiente vaginale.

Il prodotto si chiama al momento Nonoxynol-9 e rappresenterebbe un passo in avanti nel mondo della contraccezione che, dopo la scoperta dei contraccettivi ormonali nei decenni scorsi, non ha prodotto grandi novità.

Qualora gli studi successivi dimostrassero l’applicabilità del metodo, si riuscirebbe a limitare il ricorso all’aborto che, da parte dell’Autore, viene considerato come un fallimento della contraccezione.

Fonte: Sydney Morning Herald