Utente 492XXX
Salve a tutti, da un annetto a questa parte sono di fronte a un problema molto serio: non ho cali di desiderio sessuale (mi masturbo spesso), ma soffro terribilmente di ansia da prestazione, e questo mi crea dei serissimi problemi dal punto di vista non solo sessuale ma anche emotivo e psicologico. L'ultima (la penultima, o meglio) ha avuto un effetto devastante, in quanto nonostante l'attrazione fisica al momento del rapporto l'erezione non si è mantenuta, e via col circolo vizioso e nulla da fare, anche a causa del fatto che non lo facevo da diverso tempo. Vista la pesante situazione di prostrazione psicologica, in attesa di risolvere il mio problema a livello mentale (ho deciso di rivolgermi a uno psicologo), ho svolto tutti gli esami di routine e mi hanno dato esito ok, inoltre ho erezioni spontanee e tutto ok con la masturbazione, quindi il problema penso sia al 99,9% mentale. Bene, veniamo al dunque: per non peggiorare una situazione già di per sè critica (il sesso è parte integrante nella mia vita) mi sono fatto prescrivere dal medico una confezione da 4 da 25 mg di Sildenafil (Viagra) generico, per "andare sul sicuro insomma" e perchè penso che gran parte della mia situazione possa essere risolvibile tornando a farlo regolarmente. La prima volta prendo una pillola (25 mg), e non fa effetto, ma fortunatamente non si fa nulla con una nuova partner, ma la seconda volta, memore dell'esperienza precedente, raddoppio la dose ma nonostante tutto, e nonostante sia riuscito anche a calmare la mia ansia, le erezioni non durano e svaniscono poco prima della penetrazione. Come potete facilmente immaginare la mia frustrazione è enorme, e per non peggiorare la situazione (la partner fortunatamente ha evitato di mandarmi a quel paese, anzi è stata estremamente comprensiva) ulteriormente mi serve qualcosa di "sicuro", visto che l'erezione c'era e il desiderio sessuale anche, ma il viagra ha fatto flop. Domani mi rivolgerò al mio medico. Volevo chiedere agli specialisti qui sopra: pensate che cambiando farmaco (passando al Levitra o al Cialis) potrei andare davvero sul sicuro? Sinceramente vorrei evitare un'altra situazione del genere perchè perdere anche questa partner sessuale (come la precedente) per me sarebbe ancor più devastante, e ora il solo pensiero che possa accadere nuovamente l'imprevisto come la scorsa volta mi fa a dir poco sudare freddo

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

se il suo grado di ansie e paure è oltre misura non controllabile, tutti questi farmaci, da lei citati, sono destinati a non portarle alcun beneficio.

Bisogna consultare in diretta il suo andrologo di fiducia.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html

https://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile .

Senta ora il suo andrologo di riferimento e si ricordi comunque che sempre la visita medica in diretta rappresenta il solo strumento diagnostico per poterle dare un’indicazione corretta e che i consigli forniti via internet vanno sempre intesi come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 492XXX

Le dirò, l'ultima volta sono riuscito a controllare l'ansia e comunque il pene era in erezione fino al momento della penetrazione, la stimolazione sessuale c'era e il desiderio c'era, quindi per questo sono rimasto molto deluso e spiazzato del fatto che il farmaco, in dosaggio 75 mg (parlo di Sildenafil generico TEVA) non abbia funzionato a dovere permettendo all'erezione, che c'è stata in più momenti, di permanere e risultare stabile così che da completare la penetrazione, quindi mi rivolgerò al medico per sapere se gli effetti potrebbero cambiare usando Cialis o Levitra, o aumentando il dosaggio a 100 mg. Altrimenti procederò a più approfondita visita andrologica. Grazie comunque per il suggerimento

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
[#4] dopo  
Utente 492XXX

Aggiornamento: sono andato dal mio medico poco fa e mi ha detto che anche a lui sembra molto strano che il farmaco a erezione avvenuta non garantisca l'erezione duratura per via delle sole cause psicologiche (che ripeto ieri erano molto minori del solito) che "ammazzano" l'effetto del farmaco. In ogni caso mi ha prescritto del Cialis (che spero riesca a sopperire al mio problema in via immediata al contrario del Sildenafil) e una visita andrologica da svolgere al più presto.

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene ma non sottovaluti le cause di natura psicologica.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 492XXX

Salve, ricontatto dopo tempo per le novità: ho provato il Cialis. ma gli effetti sono stati molto scarsi nonostante la compressa da 20mg. Sono andato da un andrologo, che mi ha prescritto una cura di Cialis Once a Day previo analisi testosterone libero e totale. Ricollegando il tutto all'ansia (nonostante da ciò dipenda anche il testosterone) sono andato abbastanza tranquillo per le analisi, ma ai risultati controllo, e sono i seguenti:
- Testosterone libero: 16.4 pg/ml
- Testosterone totale: 4,40 ng/ml
Valutando su siti specializzati la situazione (il mio andrologo è assente fino a fine mese) constato che come livelli sono a malapena sopra la soglia minima, e per il sottoscritto, sempre stato abbastanza sicuro delle proprie potenzialità sessuali (con abbondante masturbazione giornaliera) sembra essere davvero una doccia fredda, considerato anche che sono di costituzione robusta, non sovrappeso se non per un po' di grasso addominale e come già detto ho 25 anni e comunque faccio molto movimento. Aggiungo che i controlli di routine hanno dato ottimo esito. In attesa del parere del mio andrologo, se possibile vorrei avere qualche delucidazione qui. C'è possibilità di sopperire la problematica ormonale in tempi relativamente brevi o dovrò convivere con questa ridotta potenzialità (o rischio che si riduca da un momento all'altro) a vita?