Utente cancellato
Gentili dottori, ho letto diversi articoli scientifici in cui veniva analizzata la correlazione fra la azoospermia, la criptozoospermia (mio caso) e lo stato di salute generale dei soggetti portatori di queste condizioni: la conclusione, se ho capito bene, è che questi maschi erano "meno sani" anche da altri punti di vista, cioè più soggetti a malattie cardiovascolari (ictus, infarto), osteoporosi, etc. La mia condizione è definita ipogonadismo ipergonadotropo, con testicoli ridottissimi e spermatogenesi fortemente compromessa come numero e morfologia, fsh alle stelle etc. Io e la mia compagna abbiamo fatto un primo tentativo di ICSI e siamo in attesa di esito post transfer, ma ciò che mi preoccupa ora sono le ricadute future che la mia condizione (ipogonadismo ipergonadotropo) potrebbe determinare sul mio stato di salute generale, con problematiche che travalicano l' ambito della fertilità. Sarei lieto di conoscere la Vostra opinione in merito. Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

le informazioni che lei ha sono basate su lavori epidemiologici generali ed ampi su varie popolazioni di uomini con dispermia ma da questi non abbiamo mai la possibilità di arrivare a capire in modo preciso e mirato le eventuali e possibili problematiche cliniche future che potrebbero interessarla.

A questo proposito già fatta una valutazione genetica?

Unn cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
506359

dal 2018
Certo, tutte quelle previste dal protocollo ICSI: microdeiezioni del cromosoma Y, cariotipo...tutto negativo, tutto OK.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006