Utente 501XXX
Gentili medici buongiorno, Dopo anni di problemi erettili (erezione assente, e, quando presente, solo temporanea) ho deciso di consultare uno specialista per valutarne cause ed eventuali rimedi. Sono andato da un andrologo che mi ha consigliato di effettuare esami del sangue e un ecocolorDoppler con stimolazione farmacologica.

I risultati sono stati:
regolare l’ecostruttura dei corpi cavernosi del pene. No placche calcifiche a loro carico. Dopo stimolo farmacologico (iniezione intracavernosa 8 up di PEG E1) mediocre la risposta erettile del pene. Il flusso in corrispondenza delle arterie cavernose è (..parola illeggibile..), con valori di picco di circa 70 cm/s.
In fase di astorica presente, anche se tardiva, l’interruzione del flusso arterioso, segno indiretto di modesta fuga venosa.

gli esami del sangue invece sembrano essere tutti regolari, ad eccezione del testosterone che risulta leggermente basso anche se comunque rimane nei limiti.

Che impressioni avete a riguardo?

Ho sentito parlare (eventualmente) della terapia a onde d’urto. Pensate possa essere una delle possibili soluzioni?

Ringrazio sin da ora per l’attenzione, e porgo cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

sembra esserci forse un problema vascolare alla base del suo disturbo ma ora non si pasticci e non si autoprescriva terapie magari inutili oltre che dispendiose e senta in diretta sempre il suo andrologo di fiducia.

Si ricordi comunque che la visita medica rappresenta sempre il solo strumento diagnostico per poterle dare un’indicazione corretta e che i consigli forniti via internet vanno intesi come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 501XXX

Egregio Dott. Beretta,

ovviamente la ringrazio per il suo parere. Sicuramente non farò nulla prima di sentire il mio andrologo, ma mi chiedevo (giusto per farmi un’idea) quali potessero essere i rimedi a questo problema. Se non ricordo male l’andrologo mi disse che la fuga venosa sarebbe stata un’eventualità piuttosto rara, ma se così fosse stato sarebbe stato difficile trovare una soluzione diversa del Viagra.

Non ho specificato che ho 27 anni, se questo può inportare nella risposta.

Sulle onde d’urto invece cosa mi saprebbe dire?

Le chiedo scusa per le tante questioni che la pongo ma credo possa essere normale avere un po’ d’ansia.
Grazie, una buona giornata.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Per le onde d’urto in presenza di un deficit erettivo si legga questo articolo del collega Cavallini:

https://www.medicitalia.it/news/andrologia/7560-onde-d-urto-per-deficit-erettivo-e-non-solo.html

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com