Utente 509XXX
Salve! Vorrei un’informazione: considerando che può capitare una mancata erezione prima o durante il rapporto sessuale, a qualsiasi età, mi chiedevo quando questo problema è da prendere in considerazione seriamente. Sia a livello psicologico che fisico. Ogni quanto dovrebbe presentarsi la disfunzione?

Il mio ragazzo aveva ansia da prestazione le prime volte che lo facevamo(mi ha detto per una questione di confidenza perché erano le prime volte), però con il passare dei mesi questa situazione si è ripresentata e mi mette un po’ a disagio perché ho paura che non gli piaccio abbastanza. L’ultima volta che è successo gli ho chiesto tranquillamente se fosse in ansia o se fosse lui così normalmente(per capire se gli succedesse anche con ex o solo con me), e lui mi ha risposto che non lo sapeva, in un modo un po’ brusco me l’ha detto, come se fosse in imbarazzo e non voleva parlarne. Poi dopo vari tentativi e rianimazioni finalmente siamo riusciti a concludere il rapporto. Riesce ad avere l’erezione, ma al momento della penetrazione la perde, capita spesso e se per sbaglio esce il pene, gli va giù di colpo. Poi la riesce a riprendere e giù di nuovo. Posso capire la stanchezza, lo stress ecc, ma l’ultima volta mi ha detto che non sapeva il motivo, chiaramente per questa cosa si è agitato anche lui. Inoltre i nostri rapporti sono un po’ standard, è capitato varie volte che chiedevo di cambiare posizione, ma mi diceva sempre che aveva paura che poi gli scendeva. Sempre girata di spalle devo stare, nessun bacio, nessun preliminare... non capisco.

Ringrazio molto chi può darmi un parere!

Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PERUGIA (PG)
ROMA (RM)
JESI (AN)
PORTO SAN GIORGIO (FM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
buongiorno,
l'unico parere serio che possiamo darle data la postazione da cui rispondiamo è che si impone una visita specialistica andrologica. Non è particolarmente difficile, attraverso un buon colloquio ed alcuni esami, distinguere tra problematiche di tipo vascolare ( rare in giovane età) o di tipo psicorelazionale ( frequentissime). Fatta una diagnosi di merito spesso si riesce a eliminare il disturbo presentato.
cordialità
Dr Giulio Biagiotti
www.andrologiaonline.net