Extrasistolia sintomatica

Egregi dottori, sono una mamma di 44 anni, a seguito e durante la mia seconda gravidanza 10 anni fa ho iniziato a soffrire di tachicardia e extrasistolia quest'ultima dapprima non fortemente sintomatica.
Mi fu prescritto cardicor che ho da quel momento preso per la maggior parte del tempo metà (sono ipotesa).
Sono quasi due anni che ho iniziato ad avere episodi di forte aritmia extrasistolica sia ventricolare che sopraventricolare, con sintomi capogiri colpo in petto difficoltà a stare in piedi più volte finita in PS è stato associato a reflusso gastroesofageo della quale soffro.
Prendo attualmente omeoprazolo e marial bustine di sera.
Per via della mia ipotensione anche 75/35 mi è stato dapprima consigliato di togliere il cardicor...poi dopo holter mi è stato detto di riprenderne metà da 1, 25; nell'ultimo controllo dopo forte capogiro mi è stato detto di prenderlo intero per avere un effetto sull'aritmia.
Ecocardio nei limiti della norma, ora è un mese che prendo cardicor 1, 25 intero ma ho forte ipotensione e mancanza di forza oltre ad avere extrasistole sintomatica avendo un battito talvolta anche di 50 /55 battiti al minuto avverto la successiva pausa come un arresto.
I medici finora visti dicono che non c'è altro per me perché ipotesa.
Io ad oggi non riesco a vivere la quotidianità mi sento sfinita e senza soluzione per questo problema.
Nell'ultimo holter avevo all'incirca 1000 episodi sia ventricolare che sopraventricolare.
Avrei bisogno di un vostro parere in merito.
Grazie infinite
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 108.1k 3.6k 3
Può provare con antiaritmici come Flecainide o profafenone che non influenzano i valori pressori

Cordialità

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

Reflusso gastroesofageo

Il reflusso gastroesofageo è la risalita di materiale acido dallo stomaco all'esofago: sintomi, cause, terapie, complicanze e quando bisogna operare.

Leggi tutto