Utente 440XXX
Salve dottori.
Sono un ragazzo di 19 anni, un ragazzo il quale non capisce cosa sta succedendo. Mi spiego meglio. A dicembre 2016 sono stato in “preda” a degli attacchi di panico ( o per lo meno credo siano stati) dopo aver avuto il timore di un infarto. Però da quel periodo la mia vita è cambiata, si, non sono più quel ragazzo di una volta. Ho iniziato a pensare di essere malato di cuore, quindi cercavo di uscire poco quando faceva freddo per paura di avere un attacco cardiaco, cercavo di non sollevate merce pesante, avevo smesso di giocare anche a calcio. Stavo sempre a misurare i battiti cardiaci, avevo il timore di addormentarmi e non svegliarmi più la mattina, e la mattina nonostante mi alzassi dal letto pensavo che quello sarebbe stato il mio ultimo giorno. Ho svolto vari esami al cuore, tutti nella norma. Tranquillizzato sul fatto del cuore mi spostavo a pensare: non è che ho un tumore al cervello? Oppure la sclerosi multipla? ( e sono cose che mi chiedo tutt’ora). Dopo ciò iniziai a pensare ai sogni premonitori, a ciò che ci sarebbe stato dopo la morte, che sarei morto giovane. Sono stato da una psicologa la quale non mi ha dato nessun consiglio, nonché indirizzarmi da uno psichiatra, il quale mi disse che tutto ciò doveva passare con l’arrivo della primavera (sto parlando del mese di febbraio) e comunque continuare con uno psicoterapeuta. Questo nuovo psicoterapeuta dopo ben 2 sedute mi disse che avevo un DISTURBO D’ANSIA GENERALLIZZATA CON ELEMENTI PANICOSI, così mi prescrisse CITALOPRAM “ che io non ho assunto per paura degli effetti collaterali”. Dopo un po’ di tempo iniziai a tornare a giocare a calcio (e comunque stavo e sto quasi sempre con la mano al petto mentre corro). Durante l’estate sono stato un po’ più “allegro” ma comunque non stavo bene. I sintomi erano, e sono tutt’ora: fitte al cuore, pesantezza, sensazioni di distacco da me stesso, vuoti di memoria (dimentico tutto in breve tempo) giramenti di testa ( questi mi capitano spesso mentre gioco a calcio ed insieme ai giramenti di testa sento anche una sensazione di percepire il mondo lontano). Ora sono 4 giorni che ho una forte nausea e sensazioni stranissime al cuore, cioè come se me lo pungessero e durano anche molto. I medici a cui mi sono rivolto mi hanno tutti detto che non è altro che ansia. Però dottori i credo ci sia davvero qualcosa che non va in me, sento davvero che qualcosa non funziona come dovrebbe. Mi scuso per la lunghezza del testo.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Lei deve rivolgersi. allo psichiatra ed assumere la terapia che le prescrivera.
le hanno prescritto un farmaco ,a lei non l ha assunto, che senso ha?

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 440XXX

Ho letto gli effetti collaterali, ed ho avuto paura.
Però ultimante sento davvero che il cuore non funziona, cioè quando faccio attività fisica sento una pesantezza al petto, oppure un senso di svenimento. Lei cosa mi consiglia?

[#3] dopo  
Utente 440XXX

Dottore, mi sono dimenticato di dirle che il sintomo che mi fa più paura, è la sensazione di rivivere i momenti, e nel mentre rivivo quei momenti è come se avessi la certezza che sia la mia morte. Cosa può essere?