Utente 259XXX
Salve gentili medici!
Sono un ragazzo di 29 anni.
Poco dopo i 20 anni, misurando la pressione per visite sportive o per donare il sangue, ho iniziato a notare che avevo la pressione minima altina per la mia età arrivando a volte anche sopra i 90.
Nel 2014, su consiglio di un cardiologo, ho fatto un holter pressorio da cui sono emersi valori borderline di pressione diastolica e un mancato calo della pressione sisto-diastolica notturno (ma c'è da dire che non ho mai chiuso occhio). La visita cardiologica e l'elettrocardiogramma fatti in seguito non hanno riscontrato anomalie. Il cardiologo mi ha fatto fare anche un ecocardiogramma (sempre nel 2014) e il cardiologo che lo ha eseguito mi ha detto che era tutto a posto e che se fossi stato iperteso avrebbe visto delle alterazioni, anche minime.
Il cardiologo che mi segue mi ha detto di farmi "rivedere" da lui a distanza di due anni (devo andare tra meno di un mese) e di misurare la pressione una volta a settimana (3 misurazioni dopo 5 minuti di riposto e poi fare la media) e di annotarla su un diario.
La mia pressione sistolica è, mediamente, 128. La diastolica è mediamente 85, arrivando qualche volta (in genere se sono in ansia) a 95/97. Devo dire che la maggior parte delle volte sono in ansia quando misuro la pressione e l'ansia sale alle stelle quando sono davanti ad un medico (quando vado a donare il sangue a volte mi trovano 160/100).

Secondo voi il mio cuore in questi anni può aver subito dei danni?
Ho sentito parlare dell'ispessimento del ventricolo sinistro... potrebbero trovarmelo con il prossimo ecocardiogramma??

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Lei e' un UOMO di 30 anni, non un ragazzo...
La cosa piu' intelligente he lei deve fare per valutare se sia opportuna una terapia o meno, e' quella di ripetere, dopo 3 anni, un ABPM (cosiddetto Holter pressorio).
Solo cosi si potra' valutare, dati alla mano, la oportunita' di una terapia farmacologica

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 259XXX

Grazie della risposta dottore!
Ma quindi, a suo parere, il suo collega, avendo visto dall'holter che ho una pressione diastolica borderline, ha fatto bene a dirmi a fine 2015: "Ci vediamo tra due anni", raccomandandomi anche di fare attività fisica costante, oppure l'holter che lei mi consiglia di ripetere andava fatto prima?
Quello che non capisco è qual è la soglia di valori pressori per decidere se iniziare o meno una terapia farmacologica... Lei personalmente con una pressione borderline mi avrebbe fatto iniziare la terapia o no? Se l'holter che farò sarà sovrapponibile al precedente cosa si dovrebbe fare secondo lei? Con la pressione diastolica borderline si possono creare danni all'organismo?

Mi fido del mio cardiologo, ma ho letto molte vostre risposte in cardiologia, in particolare quelle date da lei, e mi sembra molto competente, quindi gradirei un suo parere.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
I valori di PA debbono essere mantenuti attorno ai 120/70 mmHg.
Se come dice lei i suoi valori pressori diastolici si sono attestati attorno ai 90 mmHg. lei dovrebbe iniziare una terapia farmacologica.


Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 259XXX

La maggior parte delle volte i valori diastolici sono sotto i 90, ma qualche volta raggiungono o superano questo valore. Oltre ad iniziare la terapia farmacologica lei mi farebbe fare anche accertamenti per una ipertensione secondaria o no?

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
I suoi valori non sono quelli che caratterizzano una ipeertensione secondaria.
Se ha un valore normale della potassemia e se una ecografia renale e surrenalica risultassero normali, escluderebbe ulteriormente tale ipotesi

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 259XXX

Finalmente un medico che mi dà una risposta chiara in merito!
Ad ogni modo è stato controllato il valore del potassio nello stesso anno in cui è stato fatto l'holter pressorio ed era normale.
Per ecografia renale e surrenale intende una semplice ecografia addominale? Perché se è così mi è stata fatta qualche anno fa una ecografia completa dell'addome (i valori pressori erano i medesimi di oggi) per indagare una lievissima microematuria riscontrata in un esame delle urine che faccio annualmente con la medicina del lavoro. L'ecografia non ha rilevato anomalie.

Grazie ancora della disponibilità!