Utente 484XXX
Egregio dottore, ho 38 anni, e sono da sempre affetto da ipercolesterolemia probabilmente ereditaria (da padre). Nelle ultime analisi i valori sui quali ho posto l'attenzione sono i seguenti:
Colesterolo tot: 205 mg/dL
HDL: 48.2 mg/dL
LDL calcolato: 142 mg/dL
Trigliceridi: 76.4 mg/dL

Data la relativa giovane età, il mio curante non vede il caso di cominciare una terapia a vita con statine di sintesi, anche a basso dosaggio, e mi ha consigliato di assumere degli integratori al riso rosso fermentato (monacolina K), con lo scopo di ridurre il rischio all'apparato cardiocircolatorio. Sto assumendo un integratore che ho acquistato sul web, da un noto sito affidabile, basandomi unicamente sulle opinioni degli utenti e dalle certificazioni del prodotto. Ho deciso di lasciar passare 2 o 3 mesi e di provare a effettuare di nuovo delle analisi del sangue per vedere se i valori migliorano.
La mia domanda è: essendo (probabilmente) un problema genetico, ha senso assumere questi integratori per lunghi(ssimi) periodi, con il rischio di veder di nuovo tornare i valori a livelli preoccupanti non appena si smette? Queste sostanze non curano né risolvono il problema, ma se ho ben capito lo tamponano. Per fare una metafora, mi sembra di stare su una barchetta con un buco sul fondo, e avere in mano un bicchierino con il quale butto fuori l'acqua: certo, resto a galla, ma passo la vita a buttare fuori l'acqua e il buco rimane sempre là.
Una seconda domanda è se secondo lei sono più efficaci integratori al riso rosso, oppure sarebbe meglio optare per quelli contenenti olio di pesce (omega 3, 6, 9), che aiuterebbero il mio problema anche se , immagino, con altri meccanismi.

La ringrazio in anticipo se vorrà dedicare un po' del suo tempo per rispondermi.

Distinti saluti.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Lei NON ha una ipercolesterolemia da trattare con alcun farmaco od integratore
Riduca il suo sovrappeso, cammini a passo svelto un'ora al giorno
Questo si

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 484XXX

La ringrazio per la sua puntuale e cortese risposta. E per quanto riguarda l'ultima parte del quesito, ossia gli integratori Omega 3 e Omega 6, che ne pensa?

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Sono eccellenti, non solo per ridurre i trigliceridi (e quindi il colesterolo LDL) ma anche perche' , al dosaggio di 2 grammi al giorno, riducono il rischio di morte improvvisa.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 484XXX

La ringrazio, quindi devo dedurre che, con i valori che le ho riportato nel quesito originario, dovrei preferire degli integratori Omega 3/6, rispetto a quelli di monacolina K?

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Sono due farmaci diversi e che possono essere assunti contemporaneamente.
Gli integratori con la monacolina non hanno effetto sui trigliceridi ma sul colesterolo.
Gli omega 3 sui trigliceridi.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza