Utente 485XXX
Salve, assumo statine da pochissimo tempo non tanto per alti livelli di colesterolo (39hdl-159ldl-55trig-tot 208), per altro correggibili con una dieta equilibrata, rispetto a quella più disordinata che sicuramente segue le feste tra Natale e Carnevale, ma per problemi di rischi cardiologici ereditari, es. vari stent mio fratello di 50 anni e purtroppo padre e zii deceduti per infarto intorno ai 50 anni. Volevo chiedere se a livello pratico assumere il mio medicinale 20mg di totalip (atorvastatina) o 10 mg crestor o generico (rosuvastatina) è equivalente? Dopo solo 2 settimane di utilizzo di atorvastatina, sento formicolio soprattutto ai polpastrelli e alle mani, e inoltre ho come la sensazione di un intorpidimento al polso del braccio destro o comunque in generale, ho una più facile sensazione di avere un arto addormentato.
Quindi la mia idea e di passare al Crestor o un suo generico , visto anche l'esperienza di mio fratello con il torvast, che gli procurava un tremendo prurito, giorno e notte fino a grattarsi via la pelle in sangue.
La mia è solo un idea, visto che attualmente ho un rischio cardiologico del 2.01%, 45 anni, 71kg /171cm/Bmi 24,28, non fumo, non bevo e faccio un discreto movimento per via del mio lavoro.
Al mio primo esame cardiologico un anno e mezzo fa, con cicloergometro, mi era stato consigliato, visto i rischi legati alla mia familiarità, di iniziare ad assumere almeno un integratore (soliti con monacolina k 3mg>10mg) es. cardiol forte. Sinceramente ho continuato per un anno a non prendere nulla, finchè ho fatto, quasi per caso un altra visita cardiologica con ecg, sempre esito normale, ma il cardiologo mi ha detto che dovevo iniziare a prendere le statine, ovviamente non tanto per il colesterolo tutto sommato accettabile, ma per mettermi in sicurezza da fenomeni di aterosclerosi, almeno così io suppongo. Quindi il mio quesito è semplicemente questo, a parte il fatto del mio scarso entusiasmo nell'assumere le statine, visto che avrei preferito il cardiol forte (si lo so, statine naturali monacolina k 10mg= stessi effetti collaterali delle statine sintetiche), se sento la necessità di provare un altra molecola (rosuvastatina) in alternativa all'atorvastatina mi posso sentire libero di farlo, oppure mi tengo i miei fantasiosi effetti collaterali di formicolii e intorpidimento, accettandoli e basta, come male minore? Naturalmente, sia il medico di famiglia che il cardiologo, mi hanno risposto che le statine non danno sensazione di formicolio, peccato che nel foglietto illustrativo del totalip è scritto: Effetti indesiderati non comuni (1-10 pazienti su 1000) includono:

formicolio alle dita delle mani e dei piedi, ridotta sensibilità al dolore o al tatto,

Non voglio essere pignolo, ma visto che in passato ho avuto una tendinite ad entrambi i piedi a causa di antibiotico contenente fluorochinoloni, mi piace stare attento agli effetti collaterali di ciò che mi prescrivono.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
La prescrizione di una statina dipende dal medico e non dalla volonta' del paziente.
Per cio' che riguarda atorvastatina e rosuvastatina sono eccellenti statine entrambe: la rosuvastatina richiede dosaggio piu' bassi (nel suo caso 10 mg o anche 5 mg).
Semmai, se proprio una persona volesse pensare alla rpevenzione, sarebbero opportune piccole dosi di aspirina (100 mg al di) ed il camminare almeno un'ora al giorno a passo svelto.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 485XXX

Ma in questo caso l'aspirina sarebbe da associare alle statine? Oppure solo aspirina con moderata e costante attività fisica?

Grazie e saluti
Marco Fara

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Se con l'attivita' fisica dovesse riscontrare la diminuzione della colesterolemia (piu' che altro del LDL) non vedrei necessita' di statine alla sua eta'.
L' aspirina invece mi parerbbbe una scleta intelligente, ne parli ovviamente con il suo Medico

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 485XXX

Perfetto, grazie per avermi espresso il suo parere. Ne parlerò immediatamente con il mio medico.
Un ultima cosa, insieme all'aspirinetta è consigliabile un gastroprotettore oppure è sufficiente assumerla per esempio a cena a stomaco pieno.

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
la cardioaspirina è gia gastroprotetta e dovrebbe essere assunta a digiuno per il migliore assorbimento, che in quella formulazione, è intestinale

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza