Utente
Gentile dottore, ho 44 anni e da quando sono giovane soffro di extrasistoli.
Ho fatto numerosi controlli eco holter ecg sotto sforzo e non hanno rilevato disturbi particolari.
Negli ultimi 4-5 anni mi capita di svegliarmi improvvisamente nel corso della notte con il cuore che batte molto lentamente e poi inizia una tachicardia (chiamo io compensativa) che dura 4-5 minuti.
Questi episodi non sono frequenti forse uno al mese ma ci sono stati mesi che non ho mai avuto nulla.
Per questo problema mi è stato consigliato di fare una CINE RM Cuore che ho fatto qualche mese fa e questa è la risposta: Ventricolo sx: nei limiti dimensionali con normali spessori parietali con funzione sistolica globale nella norma (FE 64%) non chiare anomalie della cinetica segmentaria.
Non versamento pericardico.
Ventricolo dx: nei limiti dimensionali con funzione sistolica globale conservata (FE 60%).
Ipocinesia circoscritta dell'apice (criterio minore di Mc Kenna).
Atri sx e dx nei limiti dimensionali.
Valvole: nulla a carico degli apparati valvolari.
Flussi: flusso aortico anteogrado totale 86 ml.
Late Gadolinium enhancement: Non chiara evidenza di aree di eperenhancement iferibili a necrosi/fibrosi del miocardo ventricolare.
Extracardico: nulla da segnalare.
CONCLUSIONI: Ventricolo sx: nei limiti dimensionali con funzione sistolica globale nella norma.
Ventricolo dx: Ipocinesia settoriale dell'apice del ventricolo dx (criterio minore di Mc Kenna).
Utile controlla RM a 12 mesi.

Ho sottoposto questa RM al mio medico di base che è anche sportivo e mi ha detto di stare tranquillo che non è nulla l'ipocinesia.
Nell'ultimo hotel (febbraio 2018) risulta: Ritmo sinusale con normale escursione nictemerale.
Rari BESV.
Rairi BEV bimorfi, non precoci.
Ultimo eco (gennaio 2018) ECG: blocco incompleto della branca dx.
Altro eco Settembre 2014 Ecodoppler: Flusso trans-valvolare mitro-aortico normale.
Lieve rigurgito della valvola tricispidale.
In un'altro eco Febbraio 2012 risulta lieve insufficienza mitralica e tricispdialica.
In un'altro eco Marzo 2010 si cita ECG: lieve ritardo di conduzione della branca destra.
Qualche giorno fa ho fatto una visita cardiologica con ECG prevista dal mio piano assicurativo aziendale e ECG ha rilevato un minimo ritardo della branca dx.
Il cardiologo mi ha consigliato leggendo la RM di rifare holter Eco e cicloergometro.
Secondo lei sono necessario ulteriori e aggiornati esami visto quelli sopraccitati?
La mia impressione è che voglia farlo perché li vuole fare lui e non per una reale necessità.
Lei cosa mi consiglia di fare.
Grazie mille.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
La RM non descrive chiaramente una zona colpita da un eventuale infarto
(le immagini io oviamente non le posso vedere)
MA se l'eco e' normale coome lei scrive non vedo motivo di alcuna preoccuzione

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottore, la ringrazio della risposta, le chiedo un'ultima cosa, l'ipocinesia settoriale ventricolo dx rilevata dalla RM è quella che nell'eco è identificata come "lieve ritardo della branca dx". Sono la stessa cosa?
La ringrazio nuovamente per la sua cortesia.
Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
No sono due reperti diversi .
arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso