Utente 340XXX
Gentilissimi dottori, da 2 giorni ho a che fare con una presunta allergia alla polvere. Togliendo la tenda della cameretta, ho, dopo qualche minuto, avvertito prurito a braccia e collo. Durante la notte ho avuto molto prurito e delle macchie/puntini su braccia, collo e petto. Il giorno dopo ho avuto anche una leggera sensazione di fame d'aria e ho contattato il medico di base il quale mi ha indirizzato dallo pneumologo perché crede ci sia presenza di muco nel polmone destro (non ha avvertito presenza di rantoli, ma non gli è sembrato tutto pulito).
Presume possa trattarsi di allergia, dato il quadro clinico e avendo anche altri problemi autoimmuni (tiroidite di hashimoto).
La cosa che vorrei capire è la durata della dermatite. Ieri pomeriggio ho preso l'antistaminico Ayrinal, che avrei dovuto riprendere oggi intorno alle 17, e la situazione della pelle è rientrata pian piano nella normalità. Alle 15 circa di oggi si sono ripresentati i fastidi alla pelle (macchie e prurito molto leggero però) dopo essere stata a letto.
Anche non avendo contatti con acari, quanto potrebbe durare la reazione della pelle? Non è sufficiente non esporsi agli allergeni?
O la reazione potrebbe ricomparire solo a contatto con gli allergeni, magari presenti sul letto?

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Piero Recchia

24% attività
8% attualità
0% socialità
TRENTO (TN)
CLES (TN)
ROVERETO (TN)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
Deve tenere presente che gli acari sono presenti in tutto l'ambiente domestico, in particolare nella camera da letto (nei materassi, nei cuscini, nella moquette, nei tappeti, negli oggetti di peluches, nelle tende, nei libri, sui sofa' ecc.) ed e' quasi impossibile eliminarli del tutto. Lei dovrebbe sottoporsi al prick test per evidenziare l'allergia agli acari (pero' non deve assumere l'antistaminico da almeno3-4 giorni) e quindi concordare con il suo allergologo o pneumologo le terapie del caso e la prevenzione (coperture antiacaro per materassi e cuscini). Arieggi sempre bene la camera e non tenga animali in casa.
Dr. Giovanni Piero Recchia