x

x

Diagnosi da capire.

Soffri di stitichezza o diarrea? 👉Scopri i benefici dei fermenti lattici

Salve racconto la mia storia giusto un anno fa andando in bagno feci sangue rosso vivo nel bagno , la stessa cosa mi successe 7 anni prima, feci una colonscopia sempre 7 anni fa dove non usci' nulla ma solo delle emorroidi interne mentre un anno fà dopo il secondo episodio di rettoragia rifeci una colonscopia esattamente dopo 6 mesi dalla rettoragia dove uscirono emorroidi di secondo grado , un piccolo diverticolo e come cita il referto iperemia del retto del sigma e del discendente , intestino trasverso reperto normale e colon ascendente iperemia diffusa, il medico scrisse nel referto colonpatia segmentaria pluridistrettuale e non mi fece biopsie perche disse che non era il caso ,solo che dopo mi diede una cura di 3 asacol al giorno da 800mg per 6 mesi dicendo di farla altrimenti si poteva trasformare in crohn o retto colite .Da allora ho fatto esami anca e asca NEGATIVI, test per la celiachia NEGATIVI, ogni mese VES, PCR e esami completi del sangue sempre nei limiti all infuori delle ggt e gpt che sono un po alte per un po di steatosi vista con ecografia e per ultimo anche un ecografia delle anse intestinali sempre NEGATIVA, poi sempre esame dele feci con sangue occulto sempre negativo solo con reazione ph acida e basta , adesso sono finiti i 6 mesi di cura e dovrei rifare una colonscopia per vedere la situazione premetto che sono in paranoia sapendo cos è il morbo di crohn quindi sono molto preoccupato, a volevo dire che come sintomi ho solo un po di muco nelle feci (almeno a me sembra muco ) quasi tutte le mattine da un anno, anche se nell esame chimico fisico delle feci non esce. Diarrea in un anno l ho fatta 4 o 5 volte niente di più ed ho continuamente gorgoglii nella pancia, può essere crohn?
[#1]
Dr. Alessandro Scuotto Gastroenterologo, Perfezionato in medicine non convenzionali, Dietologo 4.6k 139 98
Gentile signore,
la storia clinica esposta si accorda poco con l'ipotesi di m. di Crohn.
Cordiali saluti.

Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per avermi risposto dottore, quindi anche la segmentarietà dell iperemia e il muco persistente non provano questo, quindi cosa può essere dottore?
[#3]
Dr. Alessandro Scuotto Gastroenterologo, Perfezionato in medicine non convenzionali, Dietologo 4.6k 139 98
Gentile signore,
penso che l'aspetto endoscopico abbia orientato per una diagnosi di colite aspecifica ed il trattamento farmacologico è supportato da questa ipotesi.
L'aspetto segmentario non è sufficiente per ipotizzare la m. di Crohn; si tratta nel suo caso di aree di iperemia, non di infiammazione della mucosa (che avrebbe richiesto necessariamente la biopsia per valutarne il tipo). La presenza di muco non è indizio sicuro di infiammazione, ma può riscontrarsi in qualsiasi disturbo della motilità.
Cordiali saluti.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Dottore la ringrazio tanto per avermi risposto e le volevo chiedere un ultimissima cosa, questa colite aspecifica e una condizione che può guarire definitivamente o aspecifica significa che prima o poi si orienterà per forza verso una malattia infiammatoria cronica?
Grazie.
[#5]
dopo
Utente
Utente
Dottore la ringrazio tanto per avermi risposto e le volevo chiedere un ultimissima cosa, questa colite aspecifica e una condizione che può guarire definitivamente o aspecifica significa che prima o poi si orienterà per forza verso una malattia infiammatoria cronica?
Grazie.
[#6]
Dr. Alessandro Scuotto Gastroenterologo, Perfezionato in medicine non convenzionali, Dietologo 4.6k 139 98
Gentile signore,
l'iperemia della mucosa può essere un carattere transitorio riscontrabile anche nella s. del colon irritabile; l'orientamento diagnostico per colite aspecifica andrebbe innanzitutto confermato in una diagnosi. Per questo può essere utile la colonscopia programmata. La condizione della mucosa e l'eventuale biopsia potrà chiarire la situazione.
L'opportunità di praticare una nuova colonscopia dovrà esser considerata dal gastroenterologo che la segue sulla base delle condizioni cliniche in relazione alla sospensione della terapia farmacologica.
Cordiali saluti.
[#7]
dopo
Utente
Utente
Dottore ieri ho ritirato l esame per la calprotectina fecale ed il risultato è stato 4,0, quindi un valore normale , solo che lo stesso esame l' ho fatto sette mesi fà ed era sempre 4,0, ora mi domando è mai possibile che a distanza di sette mesi ci sià sempre lo stesso preciso risultato ? o è il laboratorio che ha sbagliato? Grazie