Utente
Spettabili dottori, in seguito a perdite di sangue rettali durante la defecazione, ristabiliti con assunzione di arvenum 500, ma risulta ancora positivo il sangue occulto e per frequenti coliche addominali nel quadrante superiore sx dovrò sottopormi a breve a colonscopia. da precedente esito clisma opaco di anni fa risultò:dolicocoln con trasverso a festone e flessura splenica marcatamente a gomito e sx. Fortunatamente ho trovato un ospedale dove almeno la preparazione la farò con la colon wash, ma sono spaventata dal possibile dolore durante la colon per colpa della conformazione del mio intestino. Spesso le coliche sono anche solo dovute alla difficoltà di espellere l'aria ( o residui di feci) che mi irradiano il dolore fin allo sterno. Non posso effettuare la colon robotica per il costo per me inacessibile e poi mi è stato cumunque consigliata quella classica nel caso ci fossero presenza di polipi o altro. Chiedo quindi il vostro parere in merito a questo esame: sarà possibile effettuarlo nonostante le il mio intestino sia così conformato, ci sono rischi di perforazione o di dolore eccessivo? E' possibile che il sanguinamento sia dovuto alle emorroidi ( 2 e 3 grado) e i dolori alla difficoltà di svuotamento o potrebbero essere sintomi di qualcos'altro? Grazie per il vostro tempo dedicatomi.

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
credo che non debba avere timore.

Quando si devono effettuare esami endoscopici, soprattutto "difficili", l'importante è rivolgersi in centri in cui operano endoscopisti "esperti" e di sicuro affidamento.
Infatti la percentuale di successi (colonscopie complete) è uno dei più importanti elementi che fa la "differenza" in ambito endoscopico.

Cordialità
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Sicuramente il sanguinamento puo' avere origine emorrodiaria ma altre cause possibili vanno considerate ed escluse appunto con la colonscopia.
La sedazione endovenosa permette di eseguire l' esame in assoluta tranquillità indipendentemente dalla lunghezza del colon.Il rischio di perforazione invece esiste in ogni colonscopia ma è veramente minimo e soprattutto legato alla esecuzione di eventuali manovre operative quali ad esempio polipectomie.
Le indicazioni del Dottor Quatraro sono poi assolutamente condivisibili.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Concordando con quanto le hanno detto i colleghi precedentemente, quello che deve accertarsi (per evitare sgradite sorprese) è che la sedazione eseguita sia una "sedo-analgesia". E' suo diritto, infatti, conoscere al momento della prenotazione i farmaci che le saranno somministrati. Solo con tale conferma potrà eseguire tranquillamente la colonscopia (dal punto di vista della sedazione).

Ci aggiorni


Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Vi ringrazio per le risposte, spero davvero vada tutto bene, sia in merito alla diagnosi che ovviamente all'eseguimento della colon...avendo già prenotato però l'esame, come posso fare per sapere quali sono i farmaci sedo-analgesici senza sembrare troppo apprensiva? In ogni caso da profana non saprei distinguere l'uno dall'altro in termini di benefici. Mi recherò presso l'ospedale s.Giuseppe di Milano e a detta di persone che conosco il reparto di endoscopia è specializzato, a volte ci si deve affidare alla "fortuna" nel scegliere la struttura giusta non avendone conoscenza diretta.... Vorrei ancora chiedere se ,vista la vostra esperienza, un dolicocolon a festone può determinare le varie coliche? Grazie cordiali saluti.

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
il dolicocolon può rendere "difficoltoso" il transito fecale ed arrecare algie addominali, anche se è corretto che lei venga inquadrata in maniera idonea da un gastroenterologo.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
Gentilissimi dottori, l'8 maggio ho effettuato la colonscopia,dall'esito fortunatamente benevolo su tutto. Confermato dolicocolon, nessun problema di polipi, diverticoli ect, se non emorroidi congestionate interne che quindi determina il sanguinamento. Ora però stiamo cercando di capire cosa può essere la causa del mio dimagrimento, già effetuate grastroscopia con biospia che ha come esito grastrite cronica con mal funzionamento del cardias, ecografia addominale che ha evidenziato una piccolissima ciste semplice al fegato ( mi hanno rassicurato che è del tutto benigna) e ora la colon......esami del sangue nella norma. Non so cosa pensare se non un problema di tiroide, ho 49 anni e sono in premenopausa......c'è altro che potreste suggerirmi come causa? Ho perso circa 3 kg in 3 mesi. Grazie e cordiali saluti.

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Penso che
con quello che ci racconta,

motivi di grande preoccupazione davvero non se ne vedano,

la perdita di <<circa 3 kg in 3 mesi>> non è significativa.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#8]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Al momento non vedrei motivi di preoccupazione. La sua alimentazione e le sue abitiduni di vita si sono modificati in questi ultimi tre mesi ?


Cordialmente


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it