Febbricola, disturbi digestivi e perdita di peso

Buongiorno,
sono un uomo di 35 anni e da circa un mese è mezzo ho dei problemi di salute un pò variegati. Provo a sintetizzare.
Tra l'8 e il 12 aprile ho avuto mal di gola, tosse forte (soprattutto notturna) con successivo espettorato. Il tutto si è sostanzialmente risolto in circa 4 giorni (aggiungo di aver stupidamente assunto un antibiotico - Augmentin - per soli 4 giorni e mezzo).
Dopo circa una settimana avevo la febbre a 38 e dolore sopra l'arcata sopracciliare sx (soffro saltuariamente di sinusite e ho una deviazione del setto nasale sx).
Ho fatto l'aerosol (fluibron e clenil A) e in un paio di giorni ho risolto il problema del dolore all'arcata sx. E' rimasta tuttavia una febbricola 37,2-37,5 che si presentava due o tre volte nel corso della giornata (più che altro tarda mattinata, e pomeriggio).
Nelle tre settimane successive su indicazione dei medici (base e otorino) ho assunto una tonnellata di medicinali: Augmentin per 7 giorni e 9 compresse di tachipirina in 3 giorni. Nessun effetto sulla febbricola (anzi è sopravvenuta una balanite che ho risolto usando un detergente antibatterico/micotico). Appena terminato Augmentin ho assunto per tre giorni Zitromac. Nel frattempo ho iniziato ad assumere alcuni fermenti lattici (lctoflorene). Nessun effetto sulla febbricola. Su consiglio dell'otorino (che rilevava gola arrossata e lieve edema delle adenoidi per sospetto reflusso gastroesofageo) ho assunto per 5 giorni Hydrotricine e OKI bustine più un gastroprotettore (Lucen). Nessun effetto sulla febbricola. Lo stesso otorino rilevando ancora gola arrossata etc. mi ha poi prescritto Tavanic per cinque giorni e Deflan per tre giorni più gargarismi con OKI colluttorio. Nessun effetto sulla febbricola. Tuttavia ho iniziato ad avere disturbi digestivi, eruttazione, gonfiore e tensione post prandiale, senso di sazietà immediata e scarso appetito... il tutto mi ha portato a perdere circa 2,5 kg negli utlimi 5-6 giorni. Confesso che a questo punto mi trovo anche in un discreto stato di ansia. La febbricola persiste anche se non supera più i 37,1-37,2 per una-due volte nella giornata e sono preoccupato per i sopravvenuti disturbi digestivi e la perdita di appetttito (parziale e soprattutto al mattino) ed il dimagrimento. Aggiungo che da circa una settimana (in coincidenza più o meno con l'inizio della perdita di peso) sto bevendo molta acqua, circa 2 lt al giorno (cosa che solitamente non ho mai fatto) e, ovviamente, urino molto.
Grazie per l'attenzione
EI
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 66,5k 2,1k 87
Gentilissimo,

i disturbi digestivi sono, ovviamente legati all'assunzione dei tanti farmaci. Credo che una protezione gastrica con antisecretivi ed eventualmente procinetici possa essere valutata dal suo medico.

cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 516 63
Gentile utente,
comprendo la sua ansia e con non poca meraviglia devo constatare la discreta quantità di farmaci assunta
- in parte, mi pare di capire, prescritta da medici,
- ed in parte frutto di autogestione (mi corregga se sbaglio);

sta di fatto che il problema essenziale è che lei ha febbricola da un mese e mezzo e non mi è sembrato di intendere che abbia fatto indagini se non unicamente assunto farmaci.

Se questo è,
le consiglio un inquadramento di tipo internistico più generale
che porti ad un iter diagnostico-terapeutico corretto.

Ci ritenga disponibili.

Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#3]
dopo
Utente
Utente
Ovviamente ringrazio tutti per le solerti risposte.
In realtà ho effettuato degli esami ematici che ritirerò domattina.
Domattina eseguirò inoltre RX torace (richiesta dall'intenista) e cranio (richiesta dall'otorino) e nel pomeriggio (esami alla mano) sarò visitato dall'internista.
Secondo lei, la febbricola è un elemento di cui preoccuparsi? Può essere in qualche modo legata ai disturbi digestivi, etc. o quelli li ascriverebbe unicamente ai farmaci?
Grazie

[#4]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 66,5k 2,1k 87
La febbricola non è legata ai disturbi digestivi i quali, invece, è come sottolineato, sono da mettere in relazione all'abuso di farmaci. Si affidi alla visita internistica.

saluti

[#5]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 516 63
La ringrazio per la risposta,
anzi, per la verità se avesse incluso questi dati nella sua richiesta di consulto,
non avrebbe fatto male,
e la stessa sarebbe stata più dirimente.

Per quanto concerne la febbricola
essa, a quanto leggo, era preesistente
alla corposa assunzione di farmaci e molecole vari,
pertanto è chiaramente svincolata dai farmaci,

in quanto ciò che è successo dopo
non può essere responsabile di quanto successo prima!

Cordialmente
[#6]
dopo
Utente
Utente
Grazie di nuovo per le risposte.
Gentile dott. Quatraro, in verità intendevo domandare se la febbricola (insorta precedentemente) e i disturbi digestivi (insorti successivamente) possono essere sintomi concorrenti di una medesima patologia.
Probabilmente, ma correggetemi se ho equivocato, ciò che intendevate dire è che, una volta ricondotti i disturbi gastrici ai farmaci, la febbricola diventa sintomo di qualche altra cosa. Esatto?
Grazie
[#7]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 66,5k 2,1k 87


>> una volta ricondotti i disturbi gastrici ai farmaci, la febbricola diventa sintomo di qualche altra cosa. Esatto? <<

Esatto !

[#8]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille.
[#9]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 66,5k 2,1k 87
Di niente. E ci ricontatti se ha necessità.

Cordialmente

[#10]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 516 63
Le devo la mia risposta e confermo: esatto!.

(ma non è il "gioco dei pacchi in tv")

Giusto un pò di ironia per rinnovarle la nostra totale disponibilità.

Saluti
[#11]
dopo
Utente
Utente
Gentili dottori,
ho ritirato il referto degli esami ematici e vi segnalo alcuni dati:

Anti-cytomegalovirus IGG 53.20

Anti-cytomegalovirus IGM 42.80

AST (SGOT) 45 (1-35)
ALT (SGTP) 126 (1-43)

Formula leucocitaria
Granulociti neutrofili 37,5 (41,4-76.5)
Linfociti 53,1 (18.4 - 49.3)

VES 3

Il resto è tutto nella norma
Vi chiedo gentilemnte un'interpretazione di quersti dati.
Grazie
[#12]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 516 63
Può aver contratto l'infezione da CMV o trovarsi di fronte ad una "infezione riattivata".

Saluti
[#13]
dopo
Utente
Utente
Gentili dottori,
circa 15 gg fa sono stato visitato da un medico internista il quale ha confermato la presenza di infezione da citomegalovirus nonchè la correlazione tra i valori epatici un pò "mossi" e la formula leucocitaria invertita con l'infezione.
Dice di aver pazienza che l'infezione (e is sintomi) passeranno.

Tuttavia negli ultimi 20 giorni ho perso tra i 3 e i 4 kg di peso. Sono circa 20 giorni infatti che soffro di disturbi digestivi e cioè: senso di sazietà precoce, vago senso di inappetenza, eruttazione, flatulenza e digestione lenta.

Devo dire che sono anche un pò preoccupato e quindi credo che ci possa essere anche una componente ansiosa. Inoltre faccio un lavoro particolarmente stressante che probabilmente non aiuta.

L'internista (sentito ieri) mi ha consigliato una gastroscopia e, in caso di risultato negativo, di un'ecografia addominale.

Potrei per favore sapere qual è la vostra opinione al riguardo?
Grazie
Cordliali saluti

[#14]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 516 63
Credo che una volta documentato il rientro dell'infezione da CMV la situazione vada rivalutata.

Quale sospetto diagnostico ha il suo internista per averle indicato gastrosacopia+ecografia?

Saluti
[#15]
dopo
Utente
Utente
Onestamente non ne ho la più pallida idea.
Saluti
[#16]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 516 63
Non ho parole...!

.. conti su di noi.

Saluti
[#17]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 66,5k 2,1k 87
Ma sulla richiesta di gastroscopia ed ecografia il suo medico avrà pur scritto la motivazione ?

Grazie

[#18]
dopo
Utente
Utente
Non c'è nessuna richiesta scritta, ne abbiamo parlato al telefono.
In dettaglio, mi ha consigliato di prendere Peridon 10mg prima dei pasti principali per un paio di giorni e in caso di effetto negativo prenotare una gastroscopia (da far prescrivere al medico di base) e solo eventualmente una ecografia addominale.

Ieri, comunque, ho preso il Peridon e sono moooolto soddisfatto del risultato. Praticamente non ho avuto nessuno dei disturbi che manifestavo fino al giorno prima.

Scusate l'omissione, probabilmente era fondamentale precisare la questione Peridon. Abbiate pazienza non sono un medico.

Onestamente spero proprio di avere risolto...salvo ovviamente il CMV (che però non mi preoccupa particolarmente)!

Grazie
Saluti

[#19]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 516 63
Meglio così.

Saluti
[#20]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 66,5k 2,1k 87


>> Ieri, comunque, ho preso il Peridon e sono moooolto soddisfatto del risultato. Praticamente non ho avuto nessuno dei disturbi che manifestavo fino al giorno prima.<<

Molto bene e continui con il procinetico.

Auguri



[#21]
dopo
Utente
Utente
Grazie

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio