Utente 240XXX
Buongiorno,
ho 35 anni e da alcune settimane sto eseguendo degli accertamenti per un fastidio addominale (fossa iliaca destra) e nausea, apparentemente l'ipotesi appendicite pare scartata nonostante un episodio di febbre elevata e nessuna sintomatologia ulteriorie tipo diarrea o dolori addominali. Stamattina ho ritirato gli esiti degli esami di laboratorio che non hanno rilevato alcuna anomali, ma sui 3 campioni di feci per il sangue occulto il primo è risultato positivo, negativi gli altri due. Considerando che solo 4 mesi fa lo stesso esame aveva dato esito negativo, è possibile che si tratti di un falso positivo ? Sono un pò preoccupato ed in attesa della prossima visita dal gastrointerologo mi chiedevo se non fosse il caso di ripetere l'esame.

Grazie a tutti per il prezioso servizio reso su questo portale

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Può senz'altro ripeterlo e, se positivo, penserei ad un accertamento diagnostico.

Ovviamente concordi il tutto con il suo gastroenterologo.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 240XXX

La ringrazio Dottore, soprattutto per la sua tempestività.
Dalla sua esperienza è possibile che uno solo su tre campioni dia tracce di sangue occulto, e che comunque il test sia attendibile ?

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Si è possibile.

Prego
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
La positività anche di uno solo campione considerata anche la sintomatologia in assenza di patologia anale che giustifichi il sanguinamento puo' costituire indicazione a colonscopia.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#5] dopo  
Utente 240XXX

Di nuovo grazie. Ma non è anomalo che a marzo 2012 il test fu negativo su tutti e tra i campioni, e a distanza di meno di quattro mesi è positivo su un solo campione ? Quale patologia o problema potrebbe avere alterato il risultato in così breve tempo, provocando un sanguinamento del tratto intestinale ?

[#6] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
No, è possibile. Qualsiasi patologia comporti un sanguinamento.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#7] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
La ricerca del sangue occulto fecale è un'indagine diagnostica che non consente specificità diagnostica.

In ogni caso è utile, con esame ispettivo ed esplorazione digitorettale escludere patologia anale ed ampollare del retto.
Tale atto medico dovrebbe essere alla portata del suo curante.

Questo le consentirà di indirizzarsi meglio.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#8] dopo  
Utente 240XXX

Vi ringrazio per il riscontro.
Tuttavia fatico davvero a trovare dei nessi tra la mia sintomatologia. che consiste in fastidio (mai dolore) lato destro dell'addome, a volte più in basso zone pelvia, a volte quasi sul fianco, comunque in zona non ben definita (come una sensazione di sentir "tirare"), frequente senso di nausea e l'attacco febbrile di tre giorni fa con patologie così gravi come quelle che possono dare origine al sanguinamento.
In tutta onestà spero si sia trattato di un falso positivo, perchè se non erro anche malattie come il morbo di Crohn possono dare sangue occulto.
Vorrei capire, è possibile avere infiammazioni del tratto intestinale, croniche e non, senza avere alcun tipo di dolore alla palpitazione e nessun problema nelle defecazione ?

[#9] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Gentile signore,

il suo ultimo post

in cui dice
<<fatico davvero a trovare dei nessi tra la mia sintomatologia>>
che consiste in
<<fastidio (mai dolore) ... comunque in zona non ben definita (come una sensazione di sentir "tirare")>>
e quindi si avventura in ipotesi diagnostiche
<<se non erro anche malattie come il morbo di Crohn possono dare sangue occulto>>,

mi induce a consigliarle di evitare il ricorso all'autodiagnosi,
cosa che ritengo pericolosa e foriera di inutili allarmismi,
deve semplicemente farsi visitare, le cause di SOF positivo sono numerose,
(il gastroenterologo visitandola apprezzerà e definirà meglio il suo quadro doloroso)
e convenire con lo specialista il percorso diagnostico e terapeutico più giusto per lei.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#10] dopo  
Utente 240XXX

Buongiorno Dottore,

credo che lei abbia ragione, temo di esser vittima di eccessiva ansia. Vorrei solo almeno capire quale possa essere il problema senza dover ancora fare decine di visite ed esami, mi creda da quando ho avuto la diagnosi di Hashimoto (settembre 2011) è un continuo per fastidi/problemi più o meno pesanti.

Comunque la ringrazio e cercherò di seguire il suo consiglio.

[#11] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Ci mancherebbe.

Auguroni
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#12] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Puo' avere un Crohn. E' un' ipotesi tra tante. Da verificare come le ha suggerito correttamente il Dottor Quatraro.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#13] dopo  
Utente 240XXX

Buongiorno,
per precauzione ho svolto nuovamente l'esame per il sangue occulto nelle feci, che è risultato negativo su tutti e tre i campioni. Tuttavia, continuano (ed anzi sono aggravati) i sintomi: nausea, debolezza generale, dolori (non forti) addominali abbastanza diffusi, stimolo a defecare spesso presente (anche se in realtà non ho scariche diarroiche e vado di corpo circa 3 volte al giorno). Il calo di peso non è più presente come le prime settimane.
Non so cosa fare dal momento che il gastrointerologo al quale mi sono rivolto ritiene si tratti di colon irritabile, ma di fatto la terapia (Debridat 1cp prima dei pasti) mi sembra poco efficac. Mi chiedevo ma un semplice colon irritabile può dare sintomi così diversi (dolori in zone diverse dell'addome, sia superiore che inferiore, nausea, alveo irregolare, debolezza) e soprattutto costantemente presenti ormai da un mese e mezzo ?

[#14] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
In effetti i sintomi che riferisce sono compatibili col colon irritabile, pur non potendosi escludere altre ipotesi a priori
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#15] dopo  
Utente 240XXX

Grazie Dottore per la sempre cortese disponibilità.
Lei ritiene pertanto che una diagnosi di Crohn non possa essere esclusa al momento, nonostante le feci negative e gli esami clinici (emocromo, ferro, PCR, marcatori tumorali, celiachia ecc...) nella norma ?

[#16] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Gentile signore,
quanto riferisce non orienta specificatamente per una MICI (Malattia Infiammatoria Cronica Intestinale, di cui il Crohn è uno dei quadri possibili), ma per un quadro di colopatia funzionale come sostiene il suo gastroenterologo.

Prosegua il percorso fiduciosamente, con il suo specialista.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#17] dopo  
Utente 240XXX

Buongiorno,
mi permetto di chiedere una ulteriore indicazione. Ho fatto una visita di controllo dallo specialista (che adesso è in ferie), il quale mi ha prescritto una "ecogradia addome con studio ultime anse ileali". Il problema è che con questa dicitura non riesco a prenotare l'esame in nessuna struttura della mia zona. Posso gentilmente capire in cosa consiste ? Può essere eventualmente sostituita con una colonscopia ?

Come sempre ringrazio.

[#18] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
La colonscopia con ileoscopia percorre alcuni centimetri dell'ultima ansa ileale ed è certamente estremamente affidabile sul piano diagnostico, oltretutto permette prelievi bioptici eventuali.

Un ecografista esperto, con idonea strumentazione, può essere in in grado di cogliere i fenomeni infiammatori a livello della mucosa e sottomucosa (con l'accentuazione della pluristratificazione ) ed è questo tipo di esame che le è stato richiesto.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#19] dopo  
Utente 240XXX

Ma quindi è una ecografia semplice, senza liquido di contrasto ? Cambia solo (si fa per dire, ovviamente) la persona che esegue l'esame, che deve essere un ecografista esperto ?

[#20] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Esistono entrambe le possibilità, con e senza mezzo di contrasto.

Ovviamente è utile un'ecografista esperto.

Credo sia utile chiedere al suo specialista quale tipo di esame ha scelto di farle fare e perchè (ovvero per quale sospetto diagnostico), considerato che le aveva parlato di colon irritabile.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#21] dopo  
Utente 240XXX

Buongiorno,
ho eseguito la eco con studio delle ultime anse ileali, che non ha rilevato nessuna anomalia.
Su suggerimento del dottore che ha eseguito l'esame, tuttavia, ho eseguito anche l'analisi della calprotectina fecale, che ha sato esito positivo (339). E' possibile che, sebbene tutti gli esami precedenti (esami del sangue, sangue occulto, ecografia con studio della anse) non abbiano rilevato nulla ed io non abbia particolari dolori o scariche diarroiche, possa esserci comunque un sospetto di Crohn ?
Sono abbastanza preoccupato ...

[#22] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
la calprotectina fecale è pur vero che viene prodotta in grossa quantità in caso di morbo di Crohn (malattia infiammatoria cronica dell'intestino), ma si ritrova aumentata anche in svariati altri quadri morbosi:
si va da tumori dello stomaco e dell'esofago, ad enterocoliti di origine infettiva o tossica, esofagiti, diverticoliti ed altre patologie dell'apparato digerente.

E' utile che ne discuta con il suo specialista di riferimento.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#23] dopo  
Utente 240XXX

Quello che però mi sembra assodato è che la calprotectina fecale NON è elevata nei casi di colon irritabile (diagnosi fino ad ora fatta da ben 3 specialisti), è corretto dottore ?

[#24] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
La calprotectina riflette uno stato di flogosi (nei vari quadri enumerati) dell'intestino e pertanto non vi rientra il colon irritabile che è un quadro patologico non flogistico ma funzionale.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#25] dopo  
Utente 240XXX

Buongiorno Dottore,
mi perdoni se approfitto della sua disponibilità, ma sto cercando (inutilmente) di rassicurarmi in attesa della colonscopia. Volevo solo capire se i quadri da lei menzionati sono compatibili con la totale assenza di dolore addominale e scariche diarroiche, al momento la mia sintomatologia è soltanto di leggera nausea dopo i pasti ed aria in pancia, ma vado di corpo regolarmente e pratico sport senza grossi problemi (sto anche aumentando lievemente di peso).
Lei che ne pensa ?

[#26] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
E' chiaro che frequentemente la sofferenza intestinale si traduce in sintomi come il dolore addominale o la diarrea, ma questo non rappresenta una regola assoluta.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#27] dopo  
Utente 240XXX

Quello che proprio non mi spiego è il valore così alto di calprotectina ... Leggendo diversi documenti sul web pare sia un indicatore molto affidabile con alta sensibilità e specificità per confermare/escludere una IBD, e questo è il mio timore. Pare non esistano altre cause che possano provocare un innalzamento di questo valore, nemmeno eventuali intolleranze alimentari (es. lattosio). Al tempo stesso sto bene, defeco normalmente, non ho dolori addominali ed anche la nausea sta scomparendo, il tutto senza aver assunto alcun farmaco ... Nell'attesa, non so pià cosa pensare dottore ... Lei ritiene plausibili altri scenari diversi da malattie croniche dell'intestino ?

[#28] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Io attenderei l'esito della colonscopia
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#29] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Se rilegge quanto ho scritto in replica #22,
comprenderà che non ci sono sole le IBD di mezzo e che, come le ha scritto il dr. Favara, sarebbe meglio attendere l'esito della colonscopia.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#30] dopo  
Utente 240XXX

Gentilissimi Dottori,
ho eseguito oggi la colonscopia, ecco il referto:

Indigine parzialmente ostacolata dalla presenza di residui fecali nel lume intestinale.
Esplorazione eseguita sino a visualizzare gli ultimi 10 cm di ansa ilieale, la cui mucosa è modicamente irregolare per la presenza di piccole modularità. Biopsie.
Macroscopicamente normale è tutta la mucosa colica esplorata.
Si eseguono biopsie anche nel cieco-ascendente, trasverso-discendente e sigma-retto.
Anello emorroidiario non congesto.
Conclusioni: reperto di normalità. Segue istologia

Pur dovendo attendere l'esito istologico, ritenete che possa essere esclusa una malattia cronica intestinale, alla luce del referto ? Cosa possono essere le "Piccole modularità" sulla mucosa ileale ?

Grazie come sempre per la vostra disponibilità e cortesia.

[#31] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Ritengo siano
"piccole nodularità",
che a volte sono date dal tessuto linfatico, normalmente presente nella mucosa intestinale.

E' però corretto attendere le biopsie.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#32] dopo  
Utente 240XXX

La ringrazio per il sempre prezioso consulto. Purtroppo per le biopsie ci vorrano 15 giorni, pertanto potrò ritirarle solo a settembre.
Ritiene che un quadro di Crohn o altra patologia cronica possa ancora essere compatibile con l'esito della colonscopia ?
Un'ultima domanda dottore ... si parla degli ultimi 10 cm di ansa ileale, significa che l'intestino è stato visionato nella sua interezza ?

Grazie come sempre

[#33] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
La descrizione non è "tipica" per un Crohn,
tant'è che si conclude con:
<<Conclusioni: reperto di normalità>>.

L'ileoscopia tramite colonscopio riesce a visualizzare solo l'ultimo tratto del tenue, chiamato "ansa ileale terminale" o "ileo terminale".

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#34] dopo  
Utente 240XXX

Dottore, mi perdoni se cerco di capire meglio ... A questo punto ho l'ecografia delle anse negativa e la colon negativa (in attesa delle biopsie), a fronte della calprotectina positiva (e di parecchio). Secondo lei, se posso avere un suo parere, a cosa potrebbero essere dovute tali incongruenze ? Le faccio presente che ho eseguito anche una gastroscopia, che è risultata priva di alcun elemento da segnalare.

Grazie ...

[#35] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Sul significato della Calprotectina le ho già risposto in replica #22.

E', in ogni caso, un problema da non co-gestire on-line,
ma da risolvere in loco con il suo specialista di fiducia.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#36] dopo  
Utente 240XXX

Buongiorno Dottori,
riporto l'esito delle biopsie:

1 (ileo)
Frammenti di mucosa del piccolo intestino normoconformata. Aspetti di iperplasia linfofollicolare. Non evidenti focolai infiammatori di tipo essudativo
2/4 (cieco ascendente, trasverso disc., sigma-retto)
Frammenti di mucosa del grosso intestino normoconformata, lievemente edematosa, con modesto incremento di cellularità in lamina propria e componente neutrofila nell'infiltrato. Non evidenti focolai essudativi

Che quadro emerge ? Il medico di base mi ha detto che di fatto c'è una infiammazione in corso, e mi ha consigliato di tornare dallo specialista per approfondirne la causa. E' un quadro di biopsia compatibile con una MICI ?

[#37] dopo  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
No. Non e' una mici.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#38] dopo  
Utente 240XXX

Dott. Favara la ringrazio infinitamente per il suo chiarimento.
La cosa che davvero mi lascia preoccupato è la mia strana sintomatologia: niente mal di pancia nel senso "classico" del terme, feci normali e niente diarrea.
Tuttavia, negli ultimi due mesi ben tre episodi di febbre alta e dolore in fossa iliaca dx, o meglio le due cose sono sempre coincise. Nausea e, nell'ultimo episodio, vomito. L'ultima volta 5 giorni fa, eravamo in vacanza e dalla preoccupazione siamo dovuti rientrare ...
Questo evento, come potrà capire, ha accentuato il mio desiderio quantomeno di capire che tipo di problema c'è ... La causa di appendicite era stata scarata dal chirurgo e dallo specialista che, effettuando l'ecografia delle anse, aveva detto "l'appendicite è a posto" ... tuttavia tra un episodio e l'altro, a parte il solito fastidio all'addome destro, non ho alcun dolore, questo non potrebbe dipendere da una forma sub-acuta ?

[#39] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Intende forma sub-acuta appendicolare?
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#40] dopo  
Utente 240XXX

Sì esatto ...

[#41] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
... da quanto ci ha raccontato non direi,

evenienza, tra l'altro già esclusa nel suo consulto di giugno:
https://www.medicitalia.it/consulti/Gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/287959/Sospetta-appendicite

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it