x

x

Iperemia dell'esofago distale in ampia ernia jatale

👉Quando prendere i fermenti lattici e perché

salve dottore ho qui il referto esofago-gastro duodenoscopia.
il referto dice;
ESOFAGO BEN CANALIZZATO MUCOSA DI ASPETTO NORMALE FINO AL SUO TERZO INFERIORE CON MUCOSA SOVRACARDIALE IN ATTO IPEREMICA MA ESENTE DA LESIONE ATTIVE.
CARDIAS:IN SEDE POSTO A 40 CM CIRCA DALL' A.D.,INCONTINENTE,E LINEA Z E' REGOLARE,MA RISALITA DI CIRCA 8 CM RISPETTO AI PILASTRI DIAFRAMMATICI.
SOMACO:RIVESTITO DA LAGO MUCOSO COME DI NORMA,LE PARETI SONO NORMODISTENSIBILI E RICOPERTE DA MUCOSA DIFFUSAMENTE ROSEA E LISCIA.IN RETROVISIONE SI CONFERMA LA PRESENZA DELLA CAMERA ERNIARIA.
PILORO:INDENNE
DUODENNO:BULBO E PORZIONE DISCENDENTE NORMOCONFORMATI E RIVESTITI DA MUCOSA ROSEA LISCIA.
DIAGNOSI:Iperemia dell'esofago distale in ampia ernia jatale
CURA:LUCEN 40MG DUE VOLTE AL GIORNO-GAVISCON ADVANCE BUSTINE 10 MG OGNI FINE PASTO PIU' UNA PRIMA DI ANDARE A LETTO...PER 2MESI.
HO DIMENTICATO DI DIRE AL DOTTORE CHE TIPO DI DIETA SEGUIRE E POI VORREI UN VOSTRO PARERE MEDIDICO...
ASPETTAND VOSTRA RISPOSTA CORDIALI SALUTI...
[#1]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 519 63
Occorrerà valutare la risaposta a questa terapia e decidere se implementarla con procinetici.
Le hanno detto che ci sono norme di igienico-alimentari da rispettare?

Saluti

Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,5k 2,1k 88
Dovrebbe gentilmente riferirci i disturbi. Ad ogni modo nell'articolo allegato (Il reflusso gastroesofageo .....a tavola) troverà quanto può essere necessario di sapere per la corretta alimentazione.

https://www.medicitalia.it/minforma/scienza-dell-alimentazione/787-il-reflusso-gastro-esofageo-a-tavola.html


Per quanto concerne l'esito della gastroscopia mi lascia perplesso la nota : > CARDIAS:IN SEDE POSTO A 40 CM CIRCA DALL' A.D.,INCONTINENTE,E LINEA Z E' REGOLARE,MA RISALITA DI CIRCA 8 CM RISPETTO AI PILASTRI DIAFRAMMATICI. <<

Tale quadro farebbe propendere per un sospetto esofago di Barrett. È corretto quanto riportato ?

Grazie

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#3]
dopo
Utente
Utente
Risp:Dot Quatraro;non mi hanno detto niente x quanto riguarda norme di igienico-alimentari da rispettare.

Risp:Dot.Cosentino tutto quello ke ho scritto l'ho copiato alla lettera sul referto.
I'unico disturbo che ho e quello del reflusso se mangio piu' del dovuto(a sazieta').

Fino ad esso ho mangiato di tutto ma sempre con il probblema del riflusso avevo fatto rx in doppio contrasto circa 6 anni fa con un ernia jatale 2,5cm..e dopo 6 anni ho fatto questi esami ed e' tutto peggiorato per mia negligenza.

domanda:
-esiste una cura per migliorare questa diagnosi?
-va bene quella che mi hanno dato?
-esiste una cura migliore?
-dovrei fare accertamenti piu'approfonditi?

Nel rigraziarvi delle vostre ripsposte e in attesa di vostre altre risposte cordiali saluti..
[#4]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 519 63
Per quanto mi riguarda non penso nella maniera più assoluta al Barrett,
ma ad una voluminosa ernia iatale da scivolamento di circa 8 cm.
(stando al referto che ha riportato).

Chiaramente un'ernia così voluminosa dà problemi di ingombro mediastinico e andrebbe anche considerata l'opportunità risolutiva di un intervento chirurgico.
Questo tipo di trattamento è indicato specie quando l'ernia è molto voluminosa.

Chiaramente è mandatario per lei essere più che scrupoloso nel rispetto delle norme igienico alimentari: consumando pasti piccoli e frequenti durante la giornata, evitando le abbuffate, alcol, caffè, cioccolato, frutta acidula (agrumi), cipolle e cibi speziati, oltre che il fumo. Attenzione al sovrappeso ed alla stipsi eventuale.

Come le dicevo, aggiungerei dei procinetici (favoriscono lo svuotamento gastrico) alla sua terapia.

Saluti
[#5]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,5k 2,1k 88
Lei domanda:
-esiste una cura per migliorare questa diagnosi?
-va bene quella che mi hanno dato?
-esiste una cura migliore?
-dovrei fare accertamenti piu'approfonditi?

Ecco, relativamente al secondo quesito le posso dire che la descrizione riportata nel referto :

>> CARDIAS:IN SEDE POSTO A 40 CM CIRCA DALL' A.D.,INCONTINENTE <<

.. significa che il cardias è nella sua posizione naturale (= in sede) considerando la sua altezza. Per cui c'è qualche incongruenza con quanto riportato dopo: >> LINEA Z E' REGOLARE,MA RISALITA DI CIRCA 8 CM RISPETTO AI PILASTRI DIAFRAMMATICI. << e con la diagnosi di " ampia ernia iatale".

Molto probabilmente avrà l'ernia, ma la descrizione è del tutto inverosimile (e fa pensare al Barrett). Per cui quello che le posso suggerire è di parlarne con il medico che le ha fatto la gastroscopia e ......chiarire, ma se permangono dei dubbi le consiglio di ripetere l'esame (eventualmente con altro professionista). Poi si potrà parlare di terapia e delle possibilità di trattamento del reflusso, ma con le idee chiare.

Un cordiale saluto

[#6]
dopo
Utente
Utente
Salve Dottori,
ho riparlato con il dottore e mi ha fatto l'esofago-gastro duodenoscopia.ha detto che ha trovato solo un ernia jatale di 8 cem(6 anni fa l'ultimo controllo era 2,5cm).
Tutto il resto e' nei limiti di norma.
mi ha lasciato come terapia lucen 40mg (2 capsule al dì una mattina alee 8 e una la sera mezz'ora prima dellacena) piu' gaviscon( mattina dopo pranzo dopo cena e prima di andare a dormire),per un periodo di due mesi,poi sara' il medico di famiglia a ridurre il dosaggio.
Poi un controllo tra 18 mesi.
prima di questa cura ho preso lanzopranzolo per 6 anni una cps al dì,ma il dottore della gastro mi ha detto che e' una cura vecchia e così l'ha cambiata con quella indicata prima.
Per quanto riguarda l'intervento mi ha detto che non ci sono risultato concreti,perche' e facile che l'ernia puo' riscivolare e quindi ne vale la pena operare, tranne che' il caso era piu' grave piu' gravi.
E' da una settimana che faccio questa cura, il riflusso si e' ridotto a quasi nulla anche perche' ho iniziato ha fare una corretta alimentazione, ma da quando ho iniziato ho un po' di probblemi di stitichezza e gas a non finire e mi domando sara' la cura?dovrei prendere qualcosa per la stitichezza e per questi gas in eccesso?
Comunque e' stato un piacere sentire due pareri diversi da due Prof.come voi.
aspettando una vostra risposta conclusiva e che non vi rechi disturbo cordiali saluti..
[#7]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 519 63
Nessun disturbo.

La cura è condivisibile.

La stitichezza va combattuta perchè, anche se può sembrare strano, può indirettamente incentivare il reflusso.

Le consiglio di utilizzare prodotti semplici e maneggevoli come Simeticone e Macrogol,
oltre ad una dieta equilibrata.

Saluti e Buona domenica a lei.
[#8]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,5k 2,1k 88
Molto bene. È stato chiarito il dubbio del referto "anomalo" per cui quasi mezzo stomaco è in torace. Considerando la sua giovane età il mio suggerimento, parlandone con il suo medico, è di eseguire una radiografia con mezzo di contrasto dell'esofago e stomaco.

Va bene la terapia antisecretiva ed aggiunga eventualmente delle fibre tipo psyllium per migliorare l'evacuazione.

Un cordiale saluto..

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio