x

x

Celiachia?

👉Quando prendere i fermenti lattici e perché

Salve, sono un ragazzo di 24 anni. Da poco più di un mese, dopo la rottura con la mia fidanzata, ho cominciato a soffrire di crisi d'ansia e di problemi allo stomaco: dormivo male e poco, mi sentivo spesso agitato e ansioso, non avevo appetito, ho perso peso, avuto spesso episodi di diarrea, mal di stomaco.
Dopo una visita dal mio medico curante ho cominciato ad assumere Debrum 2 volte al giorno 10 minuti prima dei pasti e non ho avuto più episodi di diarrea o di ansia ma semplicemente mi sento gonfio e pieno di aria; piano piano ho ripreso appetito e ricominciato a mangiare regolarmente, così ho rimesso anche qualche chilo.

Oggi però ho ritirato delle analisi del sangue che ho fatto in questo periodo e i valori alerati per cui sono preoccupato sono questi:

Anti-Transglutaminasi IgA >200 U/ml (Uomo: inf. a 10=negativo;sup. a 10=positivo)

AntiGliadina Deamidata IgA 37,94 AU/mL (<=40 bambini 0-5anni; <= 20 bambini maggiori 5 anni)

AntiGliadina Deamidata IgG 27,22 AU/mL (0 - 5 anni <=60; maggiori 5 anni <=30)

Questi risultati indicano che io sia celiaco?
Ho sempre mangiato pane e pasta e non ho mai avuto problemi di stomaco fino ad ora e anche ora li ho avuti indipendentemente da quando mangio alimenti contenenti glutine (ad esempio gli episodi di diarrea si verificavano esclusivamente al risveglio dopo nottate insonni/agitate e non dopo i pasti).
Che consigli mi dareste vista la mia situazione su esposta?Devo smettere di mangiare alimenti contenenti glutine?
Ovviamente appena possibile andrò a visita da un gastroenterologo!

P.S. non so quanto possa influire, ma dal 2011 assumo eutirox 125 tutti i giorni essendo stato operato di tiroidectomia totale per un microcarcinoma alla tiroide (non ho fatto la iodioterapia)
[#1]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 519 63
Il consiglio è di effettuare una gastroscopia per confermare, con le biopsie duodenali, quella che appare una sospetta Celiachia.

Cordiali Saluti

Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,9k 2,2k 88
I valori sono indicativi per celiachia (> transglutaminasi), ma la conferma dovrá veniva dalla gastroscopia con biopsia della mucosa duodenale per lo studio dei villi. Ne parli con un gastroenterologo.

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#3]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per le sollecite e chiare risposte.
Il fatto che la conferma si abbia solo con la gastroscopia vuol dire che potrei avere questi valori alterati anche per altri motivi e quindi pur non essendo celiaco?
In effetti io non ho sintomi di celiachia: ad esempio stasera ho mangiato pane, pasta e pizza ad una cena a casa di amici e non ho ne ho avuto nessun problema allo stomaco.
Forse è perchè la malattia è comparsa da poco e quindi l'intestino non è ancora danneggiato?
[#4]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 519 63
Penso che la questione sia molto più semplice:
c'è un ragionevole sospetto di Celiachia che deve essere confermato con un esame istologico.
[#5]
dopo
Utente
Utente
Sicuramente il primo pensiero dopo le feste sarà prenotare ed effettuare una visita e questa gastroscopia.
Nel frattempo però come mi comporto?
Mangio normalmente?
Continuo ad assumere il debrum ?
Grazie per l'attenzione e per la grande disponibilità.
[#6]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,9k 2,2k 88
Rispondendo al suo precedente quesito potrebbe avere una forma di celiachia non ancora conclamata e la biopsia ci darà il corretto orientamento. Nel frattempo continui la normale alimentazione se non ha alcuna sintomatologia ed il farmaco va gestito sentendo il suo medico.


Cordialmente

[#7]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 519 63
Per quanto riguarda il procinetico,
in considerazione del beneficio che ne ha tratto,
sarà utile e corretto fare riferimento al suo prescrittore, ovvero il suo curante.

Quanto alla dieta
è utile che lei continui la sua regolare alimentazione
almeno fino al momento della procedura endoscopica.


Cordiali Saluti
[#8]
dopo
Utente
Utente
Salve, vorrei aggiornarVi sulla mia situazione: in attesa dell'istologico (settimana prossima), oggi ho effettuato una esofagogastroduodenoscopia con i seguenti risultati=

(Referto)
Esofago: Iperemia 3° inferiore dell'organo con erosioni di cui una >5mm a fondo iperemico-eritematoso. Cardias incontinente con reflusso gastroesofageo.
Stomaco: ristagno di liquido intragastrico.
Iperemia antrale con aree chiare come da flogosi cronica. Biopsie. Duodeno. mucosa bulbare notevolmente congesta. Presenza di aree di mucosa "a mosaico" e scallop in 2a porzione. Si eseguono n°4 biopsie.

(Diagnosi)
Esofagite di grado "B" sec Los Angeles. Gastro-duodenite. Duodenopatia da verosimile malassorbimento

(Terapia)
-Lucen 40 mg : una compressa al mattino a digiuno
-Gaviscon 1 bustina dopo i pasti

Controllo endoscopico tra 2 mesi e visita ambulatoriale celiachia la settimana prossima.

Cosa ne pensate? Io sono 1 po' allarmato, mi aspettavo solamente la conferma della celiachia e non l'aggiunta di altre patologie anche perchè non ho sintomi tali da giustificare questo quadro.
Da domani comincerò questa nuova terapia (al posto del Debrum).
Gli unici interrogativi sono: devo cominciare anche la dieta senza glutine? Al mattino a digiuno prendo già l'eutirox 125, come mi regolo col lucen?
Grazie anticipatamente per l'attenzione
cordiali saluti
[#9]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 519 63
Fatta la biopsia, a giudizio del suo specialista, potrebbe escludere il glutine dalla dieta.

Non vi è alcuna controindicazione ad assumere PPI nei distiroidismi.

Cordialmente

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio