Utente
Gentilissimi dottori,

torno a scrivervi per avere un vostro parere. Come vi ho già scritto in passato ho problemi digestivi, di reflusso e di stitichezza. Vi scrivo proprio in merito a quest'ultima. Ho una stitichezza un pò pesante, lo ero anche da bambina, poi nel periodo che fumavo si era un pò attenuata e rimasta incinta (e quindi eliminato del tutto anche il fumo) si è tornata a far sentire in modo pesante. All'epoca della gravidanza (ho partorito con parto naturale indotto nel 2012) avevo provato il lattulosio senza benefici e quindi mi aiutavo con i micro clisterini a base di camomilla. E dalla gravidanza le feci che prima erano a palline unite sono diventate a palline staccate e dure. Vi chiedo scusa per la terminologia. Son stata 2 volte al ps per blocco intestinale (non occlusione solo fecaloma) risolto la prima volta con clistere e una bottiglia di x-prep e la seconda volta risolto con 2 bustine di laxipeg al giorno per 5 giorni e camminate di 3 ore visto che ero in ferie (ho tratto beneficio al 5 giorno).
Ora dopo un lungo periodo di difficoltà sempre con feci caprine e peso anale (ho pure emorroidi) ho deciso martedì scorso di aiutarmi con onligol 1 bustina alla mattina, ma sebbene beva dai 2 litri ai quasi 3 al giorno mi ritrovo a fare feci a palline in quantità comunque accettabile. Solo ieri ho fatto feci morbide formate. Oggi, nonostante la bustina di macrogol non sono andata in bagno. Vi porgo quindi queste domande:
1) feci a palline nonostante il macrogol e discreta quantità di acqua significa che sbaglio dosaggio o bevo comunque poco? oppure può essere legato al periodo premestruale?
2) può essere questa digestione lenta a causarmi feci a palline?
3) è rischioso continuare a prendere macrogol per tutti questi giorni? può così a lungo andare bloccarmi del tutto l'intestino?
4) che oggi non sia ancora andata in bagno è indice di occlusione o di uno svuotamento avvenuto, anche se a me non pare di averne fatte quantità enormi?
5) ed ultima domanda che tipo di fermenti lattici posso utilizzare che mi aiutino a regolarizzare questo intestino?

scusate per tutte queste domande, ma è un problema che sta diventando pesante e vorrei risolverlo.

Vi saluto e vi ringrazio per l'attenzione

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Ha eseguito lo studio della stipsi con il tempo di transito intestinale ? É seguita da un gastroenterologo ?
Non sta rischiando l'occlusione ma é bene che venga seguita in ambiente specialistico per la correzione del disturbo.

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno,

il gastroenterologo che mi ha seguita non ha ritenuto opportuno effettuare ulteriori indagini. Mi ha detto di prendere macrogol al bisogno, per il reflusso una volta ogni tanto il lucen e per le emorroidi una crema quando sento che si infiammano. Non mi ha mai neppure visitata realmente, nel senso che non mi ha mai toccato la pancia per sentire la palla a livello del colon. Ho scoperto essere cordone colico solo perchè recandomi dalla ginecologa e chiedenso se fossero le ovaie mi ha risposto che era l'intestino.

Io non vorrei prendere macrogol a vita, anche perchè temo che a lungo andare non mi faccia più effetto.

Ma se fosse un rallentato transito come lo si può risolvere?

Saluti e grazie di cuore per la sua gentilezza

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Se si tratta di un rallentato transito ci saranno di farmaci specifici per risolvere il problema.





Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it