Utente 135XXX
Gentile dottore,
da lunedì il mio apparato digerente sembra non funzionare. Premetto che ho un piccolo calcolo alla colecisti ma la funzionalità di quest'ultima sembra ancora buona(assumo deurisil da 300 a pranzo e cena). Domenica ho esagerato con i dolci. Lunedì mattina dopo aver fatto una colazione povera con una fetta biscotatta con della marmalleta ho bevuto una mezza tazzina di caffè decaffeinato non avendo premura di accompagnarlo con un biscotto o altro come facco di solito. Prima di pranzo ho iniziato ad avere mal di stomaco e nausea. Ho pranzato comunque. Nel pomeriggio ho avuto una prima scarica di diarrea. La sera nonostante i fastidi ho cenato ma di notte (verso le 5) ho avuto altre due scariche ravvicinate abbondanti ed acquose accompagnae da crambi. Martedì nessuna scarica solo nausea, fastidio nella zone alta dell'addome sulla sinistra e qualche piccolo gorgoglìo.La notte solo crambi verso le 3 di notte ma nessuna scarica. Stamattina (mercoledì) sveglia con crambi e spasmi due scariche poco consistenti e poco acquose. Poi solo fastidio e dolore sulla parte destra dell'addome con gorgoglìo e nausea prima di pranzo. Ho assunto nexum 20 la mattina, ieri Yovis 1grammo che ho sostituito oggi con prolife 10 forte che ha un sapore migliore. Il mio curante mi aveva consigliato di assumere spasmomen somatico ma ieri sera mi sono accorta che era scaduto quindi l'ho comprato ma non ancora preso. Posso capire cosa mi stia succedendo?Può un caffè causare tutto questo?Continuo con questa terapia? Dopo quanti giorni dovrei preoccuparmi e pensare di fare ulteriori analisi? Grazie mille!!!
.

[#1] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Il caffè non ha colpa.
Faccia un controllo alla colecisti e si faccia visitare dal curante potrebbe essere anche una gastroenterite.
Cordiali saluti.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 135XXX

Gentile dottore,
da qualche giorno la mia sintomatologia è cambiata. Da qualche, infatti, la diarrea è sparita.Rimangono delle feci gialle non omogenee e addome pieno d'aria ma non ho avuto più episodi acuti. Da venerdi i disturbi si sono spostati allo stomaco...ho dispepsia con forte nausea, sapore sgradevole a livello orale(ho la sensazione di avere alitosi), pesantezza alla bocca dello stomaco, inappetenza. Ho eseguito dietro consiglio dello specialista le ananlisi di laboratorio, emocromo, amilasi, bilirubina e transaminasi ma i valori sono tutti nella norma (domani eseguirò ves e pcr). Stamattina sono stata a visita dal gastroenterologo che non ha riscontrato nessuno stato infiammatorio a livello della colecisti ma provavo un lieve dolore solo a livello dello stomaco. Quindi mi ha prescritto Ranibloc 300 una cp la mattina, levopride 15 gg tre volte al dì prima dei pasti e poi prendo il deursil da 300 a pranzo e cena. (Il levopride l'avevo già preso in passato ma oggi e stasera sembra portarmi ansia, sensazione di volermi muovere in continuazione e qualche extrasistole!Possono essere effetti collaterali del farmaco?se si con quale procinetico potrei sostituirlo?Motilex,permotil-me li trovo in casa-). Hodimenticato di dirle che a dicembre mi ero sottoposta per gli stessi sintomi ad una gastroscopia rivelatasi negativa (avevo solo una leggera gastrite) e tra dicembre e maggio ho effettuato due ecoaddome per tenere sotto controllo il calcolo biliare che resta sempre di 0.50 cm. Il gastronterologo ritiene che il calcolo e la colecisti stiano facendo la loro parte in questa sintomatologia che ho avuto a dicembre e a marzo e pensa che io debba sottopormi ad un'operazione per asportare la colecisti. Diversamente la pensa il chirurgo che non è intenzionato ad operarmi perchè ritiene che i miei sintomi siano riconducibil ad una dispepsia funzionale. Rispetto a queste informazioni lei dottore cosa ne pensa? Chi dei due specialisti ha ragione rispetto alla mia sintomatologia?Crede che la cura sia adatta?La mia paura è quella di non riuscire a riprendermi anche perchè i sintomi questa volta sono davvero fastidiosi, mangio poco e nel giro di qualche giorno ho perso qualche chilo(peso 55 chili e sono alta 1.65). Dovrei sottopormi ad altri esami? Michiarisce le idee in merito al levopride?Grazie mille per la sua cortese attenzione e per la sua risposta! Non so che fare anche perchè continuo a non stare bene e spero di riuscire a riprendermi. Grazie ancora per il prezioso servizio che ci offrite. Buon lavoro!