Utente 280XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 27 anni, da un mese e mezzo ho una sensazione di gonfiore all'addome sinistro sotto le costole a volte un pò piu in basso.
La senszione di gonfiore è accompagnata da un dolore moderato, niente di insopportabile, ma comunque presente in modo discontinuo e fastidoso.
Il dolore in genere va e viene in base alla posizione e al movimento, in genere se cammino veloce etc aumenta, ma non sempre.
In genere il fastidio diminuisce a stomaco pieno.
A volte tastandomi la pancia da sdraiato sento che è parecchio dura e tesa, anche questa non è una costante, anzi in genere non lo è.
Sono stato dal mio medico di base mi ha fatto fare un eco addome, in cui gli organi risultano tutti nei limiti e senza problemi visibili da un eco (non ho i risultati sotto mano), non sono stati analizzati stomaco e intestino.
Le evacquazioni sono molto alternate, può essere che non vado 2-3 giorni, poi torno regolare per un pò e poi dinuovo 2-3 giorni senza andare.
Il mio medico di base sostiene che si tratti di colon irritabile e mi ha consigliato di assumere simeticone dopo i pasti (con scarsi risultati) e levobren prima dei pasti principali (che non ho assunto perchè ho letto gli effetti collaterali e mi sono un pò preoccupato).
La cosa che mi preoccupa è che mia madre verso i 40 anni ha avuto un tumore al colon, il mio medico dice che avrebbe senso fare dei controlli verso i 40 anni, questa opinione l'avevano anche gli oncologi che hanno curato mia madre al tempo, anche se ovviamente non avevo ancora questo gonfiore e mal di pancia.
Inoltre sono già due sere in 2 settimane che esco a mangiare e di notte/mattina presto mi sveglio con la nausea e devo vomitare (circa 6-7 ore dopo aver cenato), non vomito praticamente nulla di solido e poco di liquido. La prima volta ho dato la colpa a due birre fredde, ma ieri ho mangiato solo una tagliata e bevuto acqua.
Questa mattina, 2 ore dopo esser stato male avevo fame e ho fatto colazione, ora ho un pò di nausea e senso di pienezza.

Vi ringrazio in anticipo!

Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Verosimilmente intestino irritabile.
Per il vomito potrebbe trattarsi di lieve gastrite e notevole ansia.
Faccia una visita gastroenterologica per confermare.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 280XXX

Buongiorno grazie per la risposta, lei ritiene comunque che questi sintomi non indichino un possibile tumore al colon?
Come penso si noti sono si un soggetto ansioso, mi è capitato spesso di vomitare per via dell'ansia, tutte le volte che no nausea/vomito faccio fatica a capire se è un problema di ansia o di stomaco vero e proprio.
Mi sembrava strano fosse l'ansia in quanto sono stato svegliato dalla sensazione di nausea!
Sto anche cercando di seguire i consigli del medico di base di eliminare alcol, insaccati, bevande gasate etc almeno per un certo periodo.

Grazie! Cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Nessun tumore.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia