Utente 462XXX
Salve, ho 45 anni e da 2 circa soffro di sindorme dispeptica e grastrite. Gastroscopia effettuata nel 2014, ed altri esami negli ultimi anni; come, esame con liquido ad alto contrasto (che ha rilevato modesto reflusso gastroesofageo) e quest’anno eco-addominale completa che non ha rilevato nulla.
Sto però assumendo da due anni (quasi ininterrottamente) IPP (Omeprazolo) 10mg, e con la pastiglia, a parte alcuni brevi periodi dell’anno in cui salgo a 20mg, non ho bruciori e sto bene. Il problema è che se smetto di prendere la pastiglia (come mi è stato consigliato di provare a fare ogni tanto dal medico e dal Gastroenterologo), mi torna il bruciore al petto ed in generale una sensazione di acidità allo stomaco. Dato che leggo sempre più frequentemente che questi IPP a lungo possono fare male (possibilità di osteoporosi, polipetti, infezioni, cali di magnesio e vitamina B12) volevo chiedere se è realmente così o se un uso prolungato (magari aimè per tutta la vita) con un dosaggio basso può comunque non dare adito a problemi. In caso contrario cosa potrei fare?? Esistono eventualmente degli integratori che possano sopperire alle mancanze che possono procurare tali farmaci?? Faccio sport ed ho un’alimentazione corretta, ho eliminato gli alcolici (se non sporadicamente) e ridotto il caffè. Attendo fiducioso una vostra risposta.

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Sono sintomi da reflusso e la terapia, anche continuativa, è indicata. Potrebbe provare con la ranitidina e i nuovi farmaci a base di acido ialuoronico, per tentare di eliminare gli IPP.

Cordialmente
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 462XXX

La ringrazio per il riscontro Prof.Cosentino. Quindi, in generale, sono confermate le notizie che gli IPP a lungo andare potrebbero dare problemi?? Anche nella dose più bassa come quella che prendo io?? Ad ogni modo, se sento bruciore al petto non è consigliabile sospendere, da quello che ho capito. Mi spiego meglio, “sopportare” il bruciore, non è la strategia corretta, giusto?? E se riuscissi ad abbassare ulteriormente il dosaggio, facendo magari un giorno sì ed uno no, per poi via via (sempre se dovessi riuscire) a fare uno si e due no?? Ad ogni modo farò presente al mio medico il Suo suggerimento sugli altri farmaci. Un ultma domanda; durante il giorno mastico pastiglie di Byanacid, e se occorre, alla bisogna prendo Gaviscon. È corretto?? La ringrazio per la Sua disponibilità.