Da cosa può essere causato un dolore trafiggente al petto?

Buongiorno,
ho 25 anni e sono uno studente all'ultimo anno di magistrale da quasi 6 mesi soffro di un dolore retrosternale che non accenna a passare, anzi.

Breve excursus: tutto ha inizio a Luglio quando per problemi legati ad abbassamenti di voce continui ho consultato un otorino che mi ha prescritto Marial dopo i pasti principali.

I problemi di abbassamento di voce sono scomparsi, idem la sensazione di corpo estraneo in gola.


Dopo qualche mese (luglio - settembre) dalla cura col Marial però compare un dolore allo sterno che sembrerebbe più articolare che causato da reflusso.

Ad ogni modo eseguo varie analisi (tutto nella norma): tra cui analisi delle feci da cui scopro un'infezione da Helicobacter Pylori che ho curato con terapia antibiotica ed ecografia dell'addome da cui risultano calcoli alla cistifellea che sto curando con Tudcabil (fino a ricontrollo ad Aprile).

Il dolore al centro del petto tuttavia rimane nonostante si siano attenuati i sintomi del bruciore di stomaco e il reflusso sembra sparito.

Ci tengo a precisare che il dolore al petto è localizzato su per giù all'altezza della 4 costa partendo dalle clavicole e ribadisco che si attiva solo ed esclusivamente quando richiudo le spalle in avanti e inarco la schiena o quando esercito una compressione di quel punto dello sterno e perdura da Ottobre.

Ho fatto qualsiasi tipo di controllo eccetto una gastroscopia che la mia gastroenterologa non ha ritenuto necessaria, ho provato qualsiasi trattamento compresi quelli osteopatici, ho ridotto al minimo qualsiasi fonte di stress, seguito una dieta impeccabile da Ottobre in poi e fatto persino una Rx del torace che non ha dato nessun risultato particolare.

Unici due problemi riscontrati appunto: Hp e Calcoli.


Da cosa può essere causato questo dolore che da un po' di tempo si associa ad una tensione muscolare alle spalle e alle scapole?

Il mio dubbio è: se possa un dolore del genere essere legato ad un problema all'esofago o meno dal momento in cui di fatto non ho mai avuto ''bruciore'' al petto e rarissimamente rigurgito acido solo bruciore allo stomaco e problemi intestinali dati principalmente dalla cura antibiotica per l'hp conclusasi circa 1 mese fa.


In attesa di una risposta vi porgo i miei cordiali saluti!
[#1]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4,5k 216
Da come descrive il dolore, sembra proprio che non provenga da organi interni, come l ' esofago ( nonostante i sintomi di reflusso ), né tanto meno dal cuore. Sembrano provenire da strutture della parete del torace : sterno, nervi intercostali, o irradiati dalla colonna vertebrale. Dovrebbe stabilirlo lei stesso, ragionandoci.

Prof. alberto tittobello

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la risposta rassicurante prof. Tittobello. Il dolore purtroppo è abbastanza fuorviante dal momento in cui questi 2 problemi (reflusso e dolore articolare) si sono incrociati a distanza di breve tempo l'uno dall'altro. Sicuramente se un dolore si scatena in corrispondenza di un determinato movimento non può che essere articolare.
Ne approfitto per chiederle, a questo punto, quale tipo di visita specialistica mi consiglia per fare chiarezza in merito e risolvere un problema che, da sportivo, inizia a diventare abbastanza invalidante? Il mio medico suggeriva una visita dal neurochirurgo.

Un cordiale saluto!
[#3]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4,5k 216
Credo che un fisioterapista possa dare un primo consiglio utile.

Prof. alberto tittobello

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio