Procreazione assistita icsi

Buongiorno!
Ho 43 anni. I miei dosaggi ormonali al 2 gg. del ciclo sono:
FSH 9,41, LH 9,37 , Prolattina 14,40, Estadiolo 24,20, AMH 0,72 ng/ml ( test di nuova generazione ).
Ho avuto due gravidanze spontanee interrotte con IVG , l'ultima nel 2005.
Sono reduce della mia prima ICSI incompleta : protocollo corto
Farmaci di base : Synarel , Gonal f con il dosaggio totale di Gonadotropina : FSH 1800 LH 0 hMG 750.
L'induzione all'ovulazione : Ovitrelle 250 .
L' ultimo monitoraggio ecografico è stato effettuato 4 giorni prima del pick up con dei follicoli che misuravano 15, 9, 7, 6 mm. , l' endometrio a 11 mm.
Il valore di estradiolo era a 485,1 pg/ml , progesterone 0,40 ng/ml
Nessuna ecografia , ne dosaggio dal 9 giorno fino al 14 giorno del pick up.
A pick up effettuato sono stati prelevati 4 follicoli di quali 2 ovociti immaturi...

Adesso il dottore mi ha consigliato di provare con il protocollo lungo :
pillola anticoncezionale monofasica per almeno 3 mesi
al 21gg. del ciclo precedente alla terapia - Decapeptyl 3,75 mg.
14 gg. dopo la prima eco e in base a quella l'inizio della terapia.
Menopur 300 mg. x 10gg.
l'induzione con Ovitrelle 250 mg.

Il centro PMA che mi segue è molto distante , perciò le comunicazioni avvengono per di più via posta elettronica o telefono, i monitoraggi vengono effettuati dalla mia ginecologa , ma anchè con lei non è sempre possibile avere la comunicazione immediata.
Ho il pensiero fisso di non essere seguita costantemente, proprio per i motivi sopraindicati.
Le mie domanda sono seguenti :
- quanti millimetri devono raggiungere i follicoli per essere refertati nell' eseguire il pick up ?!?
ed è possibile che il pick up potesse essere sospeso se fosse stata eseguita l'ecografia immediatamente prima ?!?
- il protocollo lungo non fa addormentare del tutto le ovaie nelle pazienti over 40 ?!?
- quanto tempo deve passare tra una stimolazione ed altra ?
- dottore mi parlava delle cisti che possono formarsi , c'è un reale rischio dopo la terapia cosi massiccia come nel mio caso?!?
Grazie in anticipo per la risposta.
[#1]
Dr.ssa Elisabetta Chelo Ginecologo, Patologo della riproduzione 1,9k 52 34
Gentile signora,
lei pone delle domande complesse a cui non c'è un'unica risposta assoluta, ogni stimolazione dovrebbe essere personalizzata e rispondere alle esigenze di una specifica donna.
In linea generale il protocollo " corto" è preferibile dopo i 40 anni, ma le ripeto la situazione va valutata caso per caso. E' senz'altro meglio che i monitoraggi vengano eseguiti da un medico esperto in procreazione assistita in contatto diretto con il centro che eseguirà la procedura.
Tra una stimolazione e l'altra io suggerisco tre mesi almeno di intervallo per dare modo di riprendersi sia fisicamente che psicologicamente, ma anche qui vale la regola che ogni situazione è diversa e unica.
Se ha dei dubbi sui protocolli utilizzati ne parli chiaramente e apertamente con i medici del centro che la segue.
La saluto cordialmente

Elisabetta Chelo
www.centrodemetra.com

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test