Utente
Buongiorno.
E' da un anno esatto che io e il mio ragazzo abbiamo rapporti sessuali costanti. Non abbiamo mai usato nessun tipo di contraccettivo, e anche se posso sembrare ingenua e sicuramente non responsabile, ho dei motivi per cui non uso nessun anticoncezionale. Quest'estate sono andata dal ginecologo e lui mi aveva proposto la pillola. Io ho riflettuto seriamente a riguardo, ma il punto è che sono spaventata dal fatto che posso ingrassare, diventare più nervosa, e avere diversi cambi d'umore. Sono tutte cose che ho sentito da amiche varie o letto in internet da fonti poco attendibili. Sono vere queste cose? Lui intanto mi aveva mostrato un opuscolo della Klaira, dicendomi che era una delle più nuove e a basso dosaggio. A basso dosaggio..... cosa significa? Che ciò che ho scritto sopra è escluso?
Io e il mio ragazzo abbiamo pensato anche al preservativo, ma io sono dell'idea che fa svanire la bellissima atmosfera che c'è appena prima del rapporto sessuale. In più noi non viviamo assieme (abbiamo circa vent'anni), e credo non sia una bella cosa che o l'uno o l'altro abbia sempre con sé il preservativo (anche perchè è facile che i genitori li scoprino anche senza cercarli. Anche se immaginano già che abbiamo rapporti, non mi sembra una cosa molto carina).

Il nostro comincia ad essere un vero problema. Io ultimamente ho il terrore di rimanere incinta, perchè continuiamo ad avere rapporti sessuali con il coito interrotto. Cosa ci consigliate di fare?

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prima di tutto consiglio la lettura del mio articolo sulla contraccezione ormonale e non:
https://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/146-istruzioni-per-un-corretto-uso-della-contraccezione-ormonale.html
Bisogna smentire tutte queste leggende metropolitane sulla contraccezione ormonale (pillola,cerotto, anello vaginale) e cercare di evitare di trovarsi nella condizione di una gravidanza INDESIDERATA e dover scegliere se portarla avanti o interromperla (scelta comunque impegnativa dal punto di vista psicologico), bisogna parlare di contraccezione a 360 gradi :preservativo,pillola,spirale,diaframma vaginale
Non bisogna avvicinarsi al sesso in maniera inconsapevole e senza usare precauzioni.
Parlo da "medico NON OBIETTORE" che vive la triste realtà delle IVG (interruzioni volontarie della gravidanza legge194) anche in donne minorenni.
SALUTONI
PS parlo in questi termini perchè voglio che le donne siano consapevoli del rischio che corrono ad andare incontro ad una gravidanza indesiderata e perchè voglio bene ai giovani!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio molto. L'articolo che mi ha proposto ha esaurito gran parte dei miei dubbi. Grazie ancora!

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Buona contraccezione.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Avrei un'altra cosa da chiederle...
Per quanto tempo si può prendere la pillola? Mesi? Anni? Ha un tempo limitato o illimitato?

Quando sono andata dal ginecologo mi aveva già dato un foglio firmato da lui dove sono scritti gli esami del sangue specifici che dovrei fare per vedere se posso prendere la pillola, quale, ecc. Se decidessi di farli, devo tornare da lui?

La ringrazio anticipatamente.

[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La contraccezione ormonale si può assumere senza limiti di tempo, solo se insorgono problemi clinici sarà il Collega a stabilire una eventuale sospenzione.
Se una donna si sottopone periodicamente a PAPtest,esami di laboratorio e visita ginecologica nessun problema.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#6] dopo  
Utente
Va bene :-)

Io ora ho praticamente deciso di prenderla. Cosa devo fare? A chi devo rivolgermi? Le avevo scritto nella risposta precedente che "quando sono andata dal ginecologo mi aveva già dato un foglio firmato da lui dove sono scritti gli esami del sangue specifici che dovrei fare per vedere se posso prendere la pillola, quale, ecc."

Quindi ora, da come ho capito, dovrei fare gli esami del sangue. Devo prima fare la ricetta?

[#7]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Certo deve farsi prescrivere questi esami e andare in CONSULTORIO per farsi prescrvere la pillola.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#8] dopo  
Utente
Consultorio.... intende il medico di base?

[#9]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
IL MEDICO DI BASE e in seconda battuta il CONSULTORIO
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#10] dopo  
Utente
Ho delle domande che possono apparire anche un po' strane, se vogliamo, ma che per me sono abbastanza importanti. Ora ho gli esami prescritti e sono circa undici... quanto mi costerà farli?

Successivamente dovrò andare dal ginecologo. Per la prescrizione della pillola mi farà pagare la stessa quota di una visita normale, cioè 100 euro circa? Se invece di andare dal mio ginecologo andassi nei consultori dell'ASL, mi farebbero pagare la prescrizione della pillola?

Mi scusi per queste domande un po' inusuali.

[#11]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sulla prima parte della domanda ,non so rispondere.
Al consultorio non pagherebbe la prescrizione della pillola.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#12] dopo  
Utente
Mi sono arrivati i risultati degli esami, anche se non tutti.
Per quanto riguarda "Ricerca mutazione puntiforme G-A1691 FATTORE V-LEIDEN"
risulta "mutazione assente".

Solo a livello, per così dire, informativo, mi saprebbe dire che cosa significa?

[#13]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Questa è una alterazione genetica della coagulazione ,per fortuna è assente.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI