Utente
BUONGIORNO,VI SCRIVO PER ESPORVI I MIEI DUBBI DI MARITO E DI PAPA,MIA MOGLIE NEL 2009 DETTE ALLA LUCE NOSTRA FIGLIA DOPO UNA GRAVIDANZA BELLISSIMA DOVE I NOSTRO GINECOLOGO CI RIPETEVA AD OGNI ECOGRAFIA CHE LA PLACENTA FOSSE BASSA.NOI NON CREDEVEMO CHE LA GINECOLOGIA PORTASSE GRAVI PROBLEMI,VENGO AL DUNQUE IL PARTO PERFETTO 38+2, ARRIVATI ALLA PLACENTA QUESTA NON USCIVA,DOPO AVERLA TOLTA MANUALMENTE SENZA RICORRERE A SALA OPERATORIA ETC,UNA GRAVE EMORRAGIA CHE CI HA PORTATO AL PRIMO RASCHIAMENTO DOPO 2 GIORNI DAL PARTO PER SOSPETTI RESIDUI PLACENTARI ,DOPO UNDICI GIORNI DI OSPEDALE CON TRASFUSIONI OSSITOCINA FERRO ETC,USCITI A CASA PER CRESCERE LA NS BAMBINA MA A DISTANZA DI 4 MESI ALTRA REVISIONE UTERINA PER LO STESSO MOTIVO.AD OGGI CON MIA MOGLIE VORREMO PROVARE A CERCARE UN ALTRO BAMBINO,CHE PROBLEMI POTREMMO TROVARE NELLA NOSTRA FUTURA GRAVIDANZA?IL NOSTRO MEDICO CI HA RIPETUTO PIU VOLTE CHE LE GRAVIDANZE NON SONO TUTTE UGUALI MA LE PAURE SONO TANTE.VORREMMO SAPERE SE CI SONO ESAMI CHE CI AIUTINO A PREVEDERE PROBLEMI DI PLACENTA ACCRETA,SE CI SONO RECIDIVE,POSSIBILITA DI EFFTTUARE UN CESARIO PROGRAMMATO.GRAZIE ANTICIPATAMENTE

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La frequenza stimata è di 1 su 2500 gravidanze.
E' importante eliminare qualsiasi dubbio di zone dell'endometrio , traumatizzate da pregressi interventi ,raschiamenti ect.
Un esame isteroscopico potrebbe aiutare questa ricerca.
Questa è l'unica forma di prevenzione possibile, la diagnosi precoce è molto difficile
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
GRAZIE PER LA RAPIDA RISPOSTA,PENSAVAMO ANCHE NOI CHE LA PRASSI FOSSE QUESTA MA SENTITA CONFERMATA DA UNO SPECIALISTA CI TRANQUILLIZZA DI PIU.HO RICHIESTO
VECCHIE CARTELLE CLINICHE DI MIA MOGLIE PER POTER COSI AFFRONTARE IL PROBLEMA CON ALTRI MEDICI.ORA CERCHEREMO UNO SPECIALISTA NELLA MIA ZONA POI LE FARO' SAPERE GRAZIE ANCORA.

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In bocca al lupo!!!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
BUONGIORNO DOTT DE BLASI,HO RITIRATO CARTELLE CLINICHE E CON STUPORE HO NOTATO CHE NON VIENE MAI FATTO RIFERIMENT A PLACENTA ACCRETA,ANCHE NEGLI ESAMI ISTIOLOGICI LE RISPOSTE NON PARLANO IN ASSOLUTO DI PLACENTA ACCRETA,SCRIVO QUI SOTTO RISPOSTE DEL MATERIALE FATTO ESAMINARE

materiale inviato
PLACENTA
esame macroscopico
PLACENTA DI CM 19X8X3,DEL PESO DI 380GR,CON CORDONE OMBELLICALE DI INTERSEZIONE ECCENTRICA DI 24 CM,AL TAGLIO AREA EMORRAGICA DI 6 CM RETROPLACENTARE
PRELIEVI:(1-5)PLACENTA,(6-7)CORDONE(8) MEMBRANE

diagnosi
TESSUTI PLACENTARI CON IALINOSI ED EMATOMA INTRAPARENCHIMALE(1-5).CORDONE TRIVASCOLARIZZATO (6-7) E MEMBRANE INDENNI DA PROCESSI FLOGISTICI (8).


SECONDO ESAME ISTIOLOGICO

materiale placentare
esame macroscopico
ba
FRAMMENTI MULTIPLI BRUNASTRI COMPLESSIVAMENTE DI 10X8X2 PRELIEVI (1_8)
diagnosi:
FRAMMENI DI TESSUTO DECIDUO CORIALE CON IALIINOSI DEI VILLI E FOCOLAI EMORRAGICI.

ULTIMO RASCHIAMENTO DOPO 4 MESI RISPOSTA ESAME ISTIOLOGICO :
MATERIALE INVIATO POLIPO PLACENTARE
esame macroscopico
ba
FRAMMENTI GRIGIASTRI MULTIPLI DI 5X3X1 CM
prelievi(1-5)
(materiale inviato incluso in toto)

diagnosi
FRAMMENTI DI ENDOMETRIO DI TIPO PROLIFERATIVO E FRAMMENTI DI MIOMETRIO CON FOCOLAI DI IALINIZZAZIONEMIOMETRIALE,FIBRINA E DIFFUSE CALCIFICAZIONI.

ANCORA UN CONSIGLIO GRAZIE ANTICIPATAMENTE


























[#5]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Dall'esito dell'esame istologico mi è parso di capire , che quella formazione definita "polipo placentare " sia in realtà un cotiledone placentare "succenturiato".
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI