Ipomenorrea

Gentili Dottori, vorrei illustrare la mia situazione. Ho 39 anni e il primo ciclo è arrivato intorni i 11 anni. Dai 18 anni fino a 29 anni ho assuto sempre la pillola anticoncezionale, smessa la pillola ho riavuto subito il ciclo e dopo 5 mesi sono rimasta incinta. Ho partorito con cesario a maggio 2005 e a luglio 2005 ho ricominanciato ad assumere la pillola. A luglio 2009 ho interrotto di nuovo l'assunzione ma non ho avuto ciclo per 6 mesi e poichè ero dimagrita tanto per altri motivi il ginecologo mi ha fatto riassumere la pillola anticoncezionale dopo aver assunto progesterone. Ho interrotto definitivamente la pillola a gennaio 2012 e il ciclo e comparso subito regolare. Il mio ciclo ora è regolare e e come confermato nelle visite di routine di controllo ginecologiche ho anche l'ovulazione ma il ciclo è scarsissimo di quantità. L'anno scorso alla visita di controllo la ginecologa non diete troppo peso al ciclo scarso perchè la diminuzione "drastica" era avvenuta da 2/3 cicli prima della visita ma ormai è passato un anno e non aumenta allora mi ha prescritto le anali per valutare gli ormoni è oggi le ho eseguite e sono in attesa delle risposte. 15 giorni fa ho effettuato il controllo ed è risultato tutto a posto, la ginecologa ha detto solamente che ha trovato un endometrio leggermente fino. Il mio ciclo attuale è cominciato domenica sera con dello spotting marrone che è leggermente aumentato lunedi e martedi mattina, poi come una piccola pausa e ieri mattina perdite rosse con grumi, mi sono cambiata 2 salva slip (ormai non uso più gli assorbenti) nella giornata di ieri e oggi salva slip quasi pulito. Mi sono informata un po su internet e ho visto che si parla di ipomenorrea quandi si ha meni di 20 ml di perdite, ma come si possono quantificare, anche perchè io quando vado in bagno a fare i bisogni durante il ciclo perdo molto sangue e grumi nella tazza. Preciso inoltre che ho un nodulo alla tiroide scoperto un anno fa che è screscito nel giro di 6 mesi e che ho fatto ago aspirato risultato negativo e analisi per la funzionalità risultate nella norma. Se le analisi per gli ormoni sono buone che altro controllo dovrei fare? Se invece sono sballate quale malattia potrei avere?
Grazie
[#1]
Dr. Silvia Lovergine Ginecologo 1,7k 37
Non deve fare nulla non è nulla di preoccupante ed anche se dovesse riscontrarsi un'alterazione ormonale non significa che ha una malattia ma semplicemente una disfunzione ormonale che può essere solo momentanea o che al massimo necessità di una terapia.

Dr. Silvia Lovergine

[#2]
Dr. Silvia Lovergine Ginecologo 1,7k 37
Non deve fare nulla non è nulla di preoccupante ed anche se dovesse riscontrarsi un'alterazione ormonale non significa che ha una malattia ma semplicemente una disfunzione ormonale che può essere solo momentanea o che al massimo necessità di una terapia

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test