Utente 230XXX
Salve
ho 52 anni ed eseguo più che regolarmente esami strumentali preventivi sul mio apparato riproduttivo. Sino a febbraio ho avuto, seppur con andamento irregolare, il ciclo, ma proprio a febbraio questo ha avuto caratteristiche emorragiche con presenza di coaguli che mi hanno portato al ps dove da un ecografia risultava tutto nella norma ed uno spessore della linea endometriale di 2 mm. Fino ad aprile ciclo scarsissimo e finalmente dal 26 aprile più nulla Ora a settembre decido di fare un controllo con eco tsv e risulta un ispessimento endometriale di 11 mm. affatto coincidente con il periodo di amenorrea, allarmata eseguo isteroscopia che rileva utero ed endometrio indenne tanto da non richiedere prelievi bioptici. Il 25 ottobre torna il ciclo con caratteristiche emorragiche ripeto eco che conferma l'ispessimento 9 mm e rileva un'ovaia ancora in attività. Sono confusa e preoccupata, devo preparami ad un'altra isteroscopia? Premetto che ho 4 piccoli fibromi e non nascondo che a questo punto vorrei togliere tutto per non essere più vittima del mio utero né dei controlli che nonostante assidui rilevano sempre sorprese.
Temo di avere un tumore endometriale ma possibile che il ginecologo che ha effettuato l'isteroscopia solo un mese fa non abbai ritenuto opportuno fare una biopsia? Grazie della attenzione che vorrete dedicarmi



[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sono d.accordo con lei sulla opportunitá di eseguire una biopsia.
Deve monitorare la rima endometriale e valutare eventuali sanguinamenti post- menopausale che vanno immediatamente indagati.
L'inserimento di uno IUS a rilascio intrauterino di levonorgestrel,( MIRENA) potrebbe essere giá terapia.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 230XXX

Grazie in effetti lunedì eseguirò questo esame.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Utente 230XXX

Salve , allora come precedentemente scritto, ho eseguito un'ennesima isteroscopia questa volta corredata da prelievo bioptico che ha riportato il seguente asciutto referto: |lembi di endometrio in fase proliferativa". La ginecologa che ha effettuato le tre isteroscopie che ho eseguito da un anno a questa parte ha sottolineato che la biopsia era uno scrupolo in quanto la cavità a suo dire era pulita e priva almeno a vista di problemi. Ora mi chiedo, devo aspettarmi di nuovo il ciclo? E vista la tendenza di questo endometrio a proliferare che devo fare eseguire ogni tanto un'isteroscopia? Pur sostenendo strenuamente la prevenzione sono molto perplessa dagli operatori che consigliano dopo eco sospette isteroscopie anche se eseguite solo un mese prima. cosa deve fare una donna oggi? Sondare almeno una volta al mese seno., utero, ovaie, colon etc? non trova tutto questo eccessivo? Mi piacerebbe tornare ai tempi di mia madre che gode di ottima salute ad 82 anni e non sa cosa sia un eco transvaginale o un pap test, sarà stata fortunata ma almeno si è evitata ansie inutile e spreco di soldi. Mi scuso per la dissertazione ma tra rettoscopie, colonscopie, colposcopie onestamente sono un po' stanca. quando una donna può serenamente lasciare in tranquillità i suoi organi?

[#4] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
per questo motivo le consigliavo l'uso del MIRENA terapia a lungo termine.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI