Utente 186XXX
Buongiorno. Vorrei avere un vostro parere riguardo ad una situazione che sto vivendo, comincio col un riassunto della situazione

Premetto che ho problemi col ciclo e nonostante le numerose visite non mi è mai stato diagnosticato nessun problema, quindi ho sempre assunto la pillola per avere il ciclo e come metodo contraccettivo. Ho 23 anni e per 7 anni ho assunto Yasminelle, dopo una visita la ginecologa mi ha fatto passare a Zoely a causa di alcune perdite marroni. Mentre assumevo Zoely (circa 6 mesi) ho iniziato ad avere molto prurito e perdite gialle, e da Agosto non sono più riuscita ad avere rapporti a causa di un dolore lancinante alla forchetta. (ho fatto pap test e test dell'hpv, tutto negativo)

Diagnosi: candida e vestibolite.
Ho assunto 2 ovuli di Abimono e 3 di chemicetina (oltre ad un antifungino di cui non ricordo il nome);
la dottoressa mi ha suggerito di fare un mese di pausa per vedere se il ciclo fosse venuto spontaneamente e, non accadendo, su suo consiglio ho iniziato a provare Nuvaring. Nel mentre mi ha dato delle creme per curare la vestibolite e dopo 20 giorni di cura stava cominciando ad avere dei miglioramenti, se non che, dopo 2 settimane di anello mi sono ritornati il prurito e le perdite gialle. La ginecologa questa volta mi ha dato 1 ovulo di Sertagyn (da riprendere in caso non fosse passato dopo 15 giorni).

La situazione quindi ora è questa: il 24 dicembre ho preso il 2° ovulo, il prurito è calato ma non sparito del tutto, la dottoressa mi ha suggerito di continuare con l'anello per cercare di capire se possa essere stato questo la causa del 2° episodio di candida. Nel frattempo la vestibolite non accenna a passare, dopo quei 20 giorni di cura sono riuscita ad avere un rapporto (comunque doloroso ma molto meno), ma da quando ho avuto il 2° episodio di candida mi sembra sia tornata la situazione iniziale.

Vorrei quindi chiedervi:
1) Nel caso la candida sia stata scatenata dall'anello, continuando ad usarlo (e nel frattempo cercando di far passare la candida) mi resterà fino a quando non cambierò metodo, oppure dopo averla debellata una volta il corpo si "abituerà", non causandomi più episodi? (la ginecologa disse che potrebbe essere stato il cambio di ormoni così repentino tra Yasminelle e Zoely, sicuramente dovrò fare un'ulteriore visita per capire se sia stato o meno l'anello)

2) Sbaglio a cercare di curare prima la vestibolite della candida? Sto usando la schiuma Tiagin e un gel della Abilast. La vestibolite è il problema peggiore perchè mi impedisce di avere qualsiasi rapporto col mio ragazzo, quindi è il mio "focus" primario

3) Avreste dei consigli su come approcciare il metodo di cura, ho paura che sia la candida ma soprattutto la vestibolite non passino più e mi impediscano di avere rapporti col mio ragazzo... (possibilmente vorrei evitare di assumere prodotti naturali/omeopatici o di quel genere lì perchè non li condivido come metodi di cura...)

Vi ringrazio infinitamente e spero possiate suggerirmi qualcosa di utile :)

[#1] dopo  
Dr.ssa Vincenza De Falco

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Buongiorno e Buon Anno.

rispondo alle sue tre domande:

1) l'anello contraccettivo non provoca la candida, semmai in soggetti predisposti ad avere vaginiti ricorrenti può aumentare la possibilità che si verifichino più facilmente episodi di vaginite.
Personalmente per questo motivo in soggetti che soffrono di vaginiti ricorrenti, ma anche in chi soffre di vestibolite, preferisco in genere evitare l'anello e ricorrere se proprio necessita ad altre vie di somministrazione del contraccettivo ormonale, come il cerotto o la pillola.

2) diciamo che le cure per candida e vestibolite vanno fatte in "contemporanea".
Per quanto riguarda la candida, dopo averla diagnosticata con tampone vaginale, e dopo aver fatto la terapia antimicotica che deve essere estesa anche al partner, la cura prosegue con presidi che mirano a mantenere il ph vaginale equilibrato e con la regolarizzazione della funzione intestinale, oltre ad usare biancheria intima in cotone bianco, assorbenti ipoallergenici, ed evitando indumenti stretti per esempio.

3) Sta già facendo una cura per la vestibolite? Non ho capito se la cura per la vestibolite è questa che ci ha segnalato nella seconda domanda:

<<<Sbaglio a cercare di curare prima la vestibolite della candida? Sto usando la schiuma Tiagin e un gel della Abilast.>>>
Dott.ssa Vincenza De Falco, Ginecologa, Roma
www.menopausaserena.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 186XXX

La ringrazio prima di tutto per la risposta.

La ginecologa mi ha dato la schiuma Tiagin e il biogel Abilast per trattare la vestibolite. Ho notato però che dopo aver avuto il secondo episodio di candida, la vestibolite sembra essere tornata ai livelli iniziali. Mi consiglia altre creme/schiume per trattarla?

Tuttora sto usando l'anello e nonostante 2 ovuli di sertagyn il prurito non sparisce mai del tutto (l'antimicotico mi è stato prescritto solo la prima volta, devo sentire ancora la mia ginecologa proprio per comunicarle che non è ancora passato il prurito).
Nel bugiardino dell'anello è scritto che uno degli effetti collaterali più comuni è la candida, quindi ho dato quasi per scontato che il secondo episodio mi sia venuto per quello (infatti dopo aver curato il primo, il secondo episodio mi è venuto proprio dopo le prime 2 settimane di anello).

Eventualmente non avrei problemi a tornare ad usare la pillola, ma ho paura che un nuovo cambio di ormoni possa riscatenare un ulteriore episodio. La ginecologa mi disse che il primo episodio fu causato probabilmente dal cambio di ormoni/dosaggio fa Yaaminelle e Zoely.
Attualmente come ho ho scritto sopra, il problema che percepisco maggiormente è il fatto di non avere rapporti da agosto per colpa di questa vestibolite...

[#3] dopo  
Dr.ssa Vincenza De Falco

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Cara signora,

l’anello contraccettivo da solo non può essere ritenuto la causa primaria della vaginite da candida, che è un microrganismo che normalmente vive dentro di noi e può diventare patogeno in particolari occasioni, come riduzione delle difese immunitarie, diabete, squilibri della funzione intestinale, terapie antibiotiche, alterazioni dell’ecosistema vaginale dovute per esempio all’uso di detergenti intimi non adatti, igiene eccessiva,biancheria intima sintetica,ecc., ed è trasmissibile anche attraverso rapporti sessuali ad esempio.

Una vaginite, in chi porta l’anello contraccettivo, può verificarsi, come già le ho accennato, soprattutto in soggetti predisposti, in quanto concorre a facilitare l’insorgenza di infezioni vaginali di vario tipo e non solo candida, come riportato anche dal bugiardino dell’anello, che fa cenno solo a >>infezioni vaginali e secrezione vaginale, ciascuno riportato solo dal 5-6% delle donne.>> :

http://www.torrinomedica.it/farmaci/schedetecniche/Nuvaring.asp#SP8

Riguardo l’opportunità o meno di continuare ad usare l’anello, le ho comunicato quello che io penso di consigliare in generale ad alcune tipologie di pazienti, non a lei in modo specifico, e cioè chi è soggetto a vaginiti ricorrenti, ossia che ha avuto molti (non solo due) e ripetuti episodi di vaginite (infezione genitale) e in chi soffre di vestibolite.

E’ una mia opinione generale quindi, variabile poi a seconda dei casi specifici e a seconda della pazienti che ho in cura e che ho la possibilità di visitare.

Rimane sottinteso che sarà la ginecologa che la sta seguendo a poter valutare se per Lei sarà più vantaggioso continuare con l’anello o ricorrere ad altre possibilità terapeutiche, anche in base a come evolverà la sua situazione.

La schiuma Tiagin e il biogel Abilast non fanno parte della terapia specifica in genere consigliata per curare una vestibolite, ma possono essere utili per il trattamento di vaginiti e disturbi vaginali come ad esempio la vaginite candida.

Per il trattamento della vestibolite, o meglio della vestibolodinia, esistono terapie di vario tipo da personalizzare sulla paziente, che potrà trovare su questo mio articolo in cui sono descritti anche i sintomi e le possibili ipotesi eziologiche di questa malattia:

https://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/908-bruciore-dolore-vaginale-rapporti-dolorosi-sintomi-vulvodinia.html

Probabilmente la sua ginecologa per il momento le ha prescritto una terapia per la vaginite da candida e al prossimo controllo che farà le prospetterà un trattamento specifico per la vestibolodinia.

Ci tenga aggiornati su quello che le consiglierà la sua ginecologa.

Un affettuoso saluto e ancora auguri di Buon Anno.


Dott.ssa Vincenza De Falco, Ginecologa, Roma
www.menopausaserena.altervista.org