Utente 369XXX
Buongiorno,
premetto di non aver mai avuto un ciclo regolare, e di essere ricorsa, più di una volta, alle punture di progesterone Prontogest, su suggerimento del mio ginecologo, per permettere al ciclo di arrivare. Premetto inoltre di aver preso Yaz, l'anno scorso a febbraio, ma di averla interrotta per problemi di gonfiore e soprattutto irritabilità dopo soli 2 mesi. A settembre del 2014 l'acne ha iniziato a comparire sul mio volto (mai avuto problemi di acne in vita mia), prima in forma lieve e via via peggiorando. Contemporaneamente, un ciclo è completamente saltato, e anche lì sono ricorsa al Protogest. Mi sono rivolta a due dermatologhe, la prima mi ha prescritto 3 mesi di antibiotico ma di fronte all'elenco di effetti collaterali non me la sono sentita di iniziare, la seconda mi ha prescritto una cura di 20 gg di Miraclin, da combinare a una cura topica con Airol, da alternare a Zyndaclin solo la sera, e di giorno Keracnyl. Per lavare il viso, Acnaid. Ho quasi concluso il ciclo di cura, e dopo un incoraggiante miglioramento ho riscontrato un netto peggioramento dell'acne (e non capisco se il peggioramento sia una fase normale della cura). Nel mentre, il mio ginecologo mi ha visitato, riscontrando ciò che temevamo: sindrome dell'ovaio policistico. Per curare il problema, mi ha suggerito due opzioni:
1) Escludendo di ritentare Yaz, provare Sibilla, che pare essere una buona soluzione per l'acne ma più rognosa per altri effetti collaterali (io vorrei evitare disturbi umorali e soprattutto ritenzione)
2) Nuvaring, meno efficace per acne ma secondo lui, uno dei migliori contraccettivi in giro, per comodità, dosaggio, effetti collaterali minimi.
Sono combattuta: non vorrei togliermi l'acne per ritrovami gonfia e piena di ritenzione, d'altro canto non so come risolvere il problema brufoli che mi sta causando non pochi disagi e sconforto. Fosse per me non prenderei proprio un contraccettivo ormonale, ma per la sindrome da ovaio policistico forse non posso evitarlo?
Dimenticavo di aggiungere che nell'ultimo anno ho riscontrato una perdita di peso pari a 4 kili, eliminando grassi e alcol e riducendo i carboidrati. Ho introdotto il latte ogni mattina e due yogurt al giorno. Per il resto mangio tutto: pesce, carne, moltissima frutta e verdura, uova, alimenti a base di soya, moltissima acqua e movimento fisico.

Grazie per i vostri suggerimenti e per il servizio offerto!

Cordialmente

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Devo consigliarle una pillola con un progestinico che abbia un'azione antiandrogena , escludendo la YAZ che contiene il drospirenone (azione antiandrogenica) mi orienterei verso il CLORMADINONE ACETATO e il DIENOGEST contenuto nella pillola SIBILLA da lei menzionata.
Quindi escluderei il NUVARING (ottimo contraccettivo) che non ha azione antiandrogena.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 369XXX

Gentile dr. Biasi,
La ringrazio per la risposta tempestiva e chiarificatrice. Ne approfitto per porle un paio di ulteriori domande prima di procedere con l'assunzione di Sibilla.
1) Secondo lei vale la pena aspettare la fine della cura antibiotica per accertarmi dell'esito ed eventualmente decidere di nom assumere la pillola se questo fosse positivo,o comunque devo aspettarmi di non risolvere il problema acne e quindi non farmi troppe illusioni di guarigione proprio a causa della diagnosi da ovaio policistico? Ovvero: la cura dermatologica non serve a Niente in presenza della mia patologia?
2) Io conoscevo per fama Yaz e Nuvaring, e so che sono anticoncezionali abbastanza tollerati, ma con Sibilla devo aspettarmi effetti collaterali fastidiosi tipo ritenzione e aumento di peso? E se un giorno scegliessi di non assumerla più, ci sono possibilità che l'acne ricompaia?
3) La sindrome da ovaio policistico si può curare solo con la pillola o si può convivere con la patologia, pur sapendo di non avere cicli regolari?

Grazie ancora e le auguro buona serata

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
1. potrebbe accadere
2. effetti collaterali simili alle altre pillole.
3 la sindrome dell'ovaio policistico trae notevoli vantaggi dall'uso di un estroprogestinico (pillola)
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI