Utente 170XXX
Salve gent.mi dottori, sono una ragazza di 22 anni, vi scrivo per ricevere un parere sulla mia situazione. Prendo la pillola daylette da più di 1 anno, da qualche mese soffro di recidive da candida.
Il giorno 30 giugno ho iniziato il nuovo blister dopo i 4 giorni di sospensione e l'avvenuta mestruazione; il giorno 12 luglio ho avuto un rapporto non completo con il mio ragazzo, ha eiaculato esternamente, poi però abbiamo avuto subito un nuovo rapporto, al termine del quale ha nuovamente eiaculato esternamente.

Due giorni dopo si manifestano i sintomi della candida e effettuo un tampone, nel frattempo mi vengono prescritte due pastiglie di diflucan 150 mg assunte i giorni 15 e 16. La cura non fa effetto, il 20 ritiro i referti che confermano la candida, cosi mi viene prescritta una cura di sporanox 100 mg per 8 giorni, 2 pastiglie al giorno, assunte una dopo pranzo e una dopo cena.

Termino la pillola il 23, e la cura solo ieri 28 luglio, giorno in cui ho iniziato il nuovo blister. Nei 4 giorni di sospensione si sarebbe dovuta presentare la mestruazione da sospensione, ma ancora non si è presentata, nonostante i dolori che mi vengono solitamente in quei giorni siano comunque presenti. Ho avuto un episodio di spotting il 23, al terzo giorno di cura con sporanox.

Vorrei sapere se le mestruazioni possono essere state "bloccate" dalle cure con antimicotici effettuate e dall aver riniziato con la pillola, stando quindi serena anche se questo mese dovessero saltare, o se devo preoccuparmi e magari effettuare un test di gravidanza (fin'ora sono stata serena visto i rapporti non completi).
Vi ringrazio in anticipo per la vostra attenzione, e per il servizio che offrite

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sicuramente a livello epatico il fluconazolo interferisce con l'efficacia contraccettiva , per questo motivo io consiglierei , a titolo cautelativo un test di gravidanza , pur continuando ad assumere regolarmente la pillola.
Del coito interrotto non bisogna fidarsi ciecamente ha un alto indice di rischio per via della famosa goccia preiaculatoria.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI