Utente 393XXX
Buongiorno,
sono una ragazza di 25 anni, studentessa e lavoratrice, in cura da circa due anni per sospetta endometriosi.
I sintomi che si manifestavano prima della sospensione del ciclo (circa un anno fa) erano i seguenti:
dolori pelvici,dolori durante l'ovulazione,dolore durante i rapporti,dolori insopportabili durante il ciclo a cui con il passare del tempo si sono aggiunti : dolori alla zona del sacro, retto, dolori insopportabili al nervo sciatico in aumento durante il sonno e in posizione seduta, insonnia,stanchezza continua.
Sono stata in cura fin dall'età di 13 anni da fisioterapisti perchè si pensava che la causa fosse un'ernia lombare tra l4-l5. In realtà dopo aver eseguito diversi test sembra che questa non sia dolente e quindi non sia causa di tutti i miei problemi.
Sono stata visitata da svariati ginecologi che come prima diagnosi hanno stabilito endometriosi ai nervi delle gambe,intestino e sacro.
Pochi giorni fa ho subito un intervento in laparoscopia che ha mostrato assenza totale di endometriosi in ovaie,utero e legamenti uterini.
La mia domanda è la seguente: questi sintomi sono riconducibili anche ad un possibile problema neuronale? una ginecologa ha esposto come ipotesi una fibromialgia.
Posso rallegrarmi del fatto che il mio apparato riproduttivo sia nella norma certo, ma i miei problemi sussistono e questi non mi permettono di svolgere una vita normale.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Potrebbe trattarsi di un DOLORE NEUROPATICO caratterizzato da un'anormale percezione sensitiva , definita IPERALGESIA (spropositata accentuazione di uno stimolo doloroso ) oppure dalla ALLODINIA (percezione dolorosa di uno stimolo che normalmente non causa dolore).
La FIBROMIALGIA è caratterizzata da dolore muscoloscheletrico cronico diffuso .Il dolore si associa a sintomi extra scheletrici, in particolare rigidità muscolare , facile affaticabilità , parestesie.
Con una visita si potrebbe fare diagnosi differenziale
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI