Utente 430XXX
Salve da circa 4 mesi presento un ciclo regolare(28giorni esatti)Ma molto scarso dura 2 giorni con poche perdite il che non è consueto per me avendolo avuto sempre abbondante x 4/5gg. Essendo preoccupata il mese scorso ho presentato la situazione al mio ginecologo che ha effettuato la visita e un ecografia transvaginale dalla quale non è emerso nulla di anomalo che possa spiegare tale cambiamento improvviso del mio ciclo. Il ginecolo mi ha rassicurata dicendo che l importante non è tanto la quantità del flusso ma piuttosto la regolarità del ciclo rassicurandomi che il mese successivo avrei avuto a suo parere un ciclo normale dal momento che avevo perfettamente ovulato ed era tt ok. Ma così non è stato questo mese il ciclo si è presentato Puntuale come sempre ma altrettanto scarso con poche perdite terminate già al secondo giorno. Aggiungo che 8 mesi fa ho avuto un aborto interno a cui è seguito un raschiamento ma il mese successivo al raschiamento il ciclo si è presentato puntuale e Come di consueto senza nessuna variazione Infatti il ginecologo mi ha detto che non c'è nessuna correlazione tra il raschiamento è questa variazione del flusso. Detto ciò quale potrebbero essere le cause di questa variazione del ciclo? Quali altri esami potrei effettuare per capirne di più,? Sono un po' preoccupata Potrebbe trattarsi di qualcosa a carico del ipofisi? Ringrazio anticipatamente per l'attenzione Cordialità

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Nella mia risposta parto dalla revisione strumentale della cavità uterina (raschiamento ) post- abortiva che può aver procurato qualche aderenza cicatriziale (sinechie uterine ) con conseguente riduzione dei flussi mestruali, che richiede un controllo isteroscopico (ISTEROSCOPIA DIAGNOSTICA) per escludere questa eventualità.
Sono d'accordo con il Collega sulla regolarità del ciclo (ritmo e frequenza ) ma sulla quantità si dovrebbe fare questa valutazione.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 430XXX

La ringrazio per la sua risposta ma eventuali aderenze non sarebbero emerse dall ecografia transvaginale?posso escludere danni a carico dell ipofisi?

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
le aderenze intrauterine (sinechie ) si osservano soltanto con la isteroscopia
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI