Utente 522XXX
Salve, vorrei un consulto circa la pillola anticoncezionale.
In Particolare da circa 7 mesi sto assumendo la pillola YAZ a causa di un problema di acne, difatti dopo alcune analisi mi è stato ritrovato un livello di progesterone basso.
Da quando sto assumendo la suddetta devo dire che il problema acne si è molto alleviato, però per quanto il mio ginecologo mi abbia detto che questa pillola sarebbe stata leggera e così i suoi effetti collaterali, da qualche mese sto riscontrando dei fastidi.
Nello specifico: bruciore intimo con perdite che precedentemente non avevo mai avuto, lieve aumento di peso nonostante pratichi regolarmente attività sportiva, pancia gonfia e dolore addominale. Nello specifico più che l’aumento di peso ad infastidirmi è il gonfiore. In più mi sento spesso stanca.
Ho chiesto parare al mio ginecologo il quale mi ha detto che non c’era nessuna connessione tra la pillola e in particolare il fastidio intimo, ma io sono sicura di non averne mai sofferto prima.
E’ Possibile che queste problematiche siano conseguenza della pillola?
E Siccome il mio periodo di assunzione almeno per adesso dovrebbe terminare a giugno, potrò smettere di assumerla definitivamente visto che questi fastidi non vogliono cessare?
Grazie per l’attenzione .
Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sono d'accordo con il Collega , la pillola non c'entra con la possibile vaginite o vulvite irritativa da indumenti sintetici usati nella pratica sportiva.
La ritenzione idrica è legata all'uso degli estroprogestinici (in questo caso YAZ) , ma è sufficiente assumere integratori allo scopo di drenare i liquidi ritenuti.
Consiglio utile : le interruzioni periodiche dell'assunzione della pillola non hanno nulla di razionale scientifico, se la contraccezione è utile bisogna continuare regolarmente , al massimo cambiare equilibrio ormonale con altra associazione.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI