Hpv 35 pap test positivo

Buonasera dottori,
avrei bisogno di un consulto.

A dicembre 2020 il pap test dava risultato positivo ascus.
Mi veniva prescritto un trattamento con ovuli per dieci giorni.

A luglio 2021 un nuovo pap test dava il seguente risultato: citologia in fase liquida, oncocitologico cervico vaginale, negativa la ricerca di cellule neoplastiche, metaplasia squamosa, cellule cilindriche endocervicali, reperto infiammatorio, flora batterica mista.
La mia Ginecologa mi prescriveva una colposcopia ma riteneva fosse un esito migliore del precedente pap test in quanto non risultava piu "ascus" e che questo dimostrasse che fossi in via di "guarigione" ossia che il mio organismo, anche se molto lentamente, stesse agendo autonomamente verso la "guarigione" o meglio che stesse debellando il virus.

A settembre 2021 eseguivo la colposcopia, con il seguente esito: Quadro cervicale--> giunzione visualizzata esocervicale, epitelio originario trofico iodoscuro Ectopia zona in trasformazione normale (NTZ) incompleta iodochiara Zona in trasformazione anormale (ATZ) G1 epitelio bianco sottile puntato regolare.
Vagina normale.
Quadro vulvare regolare.

Sempre a settembre eseguivo la tipizzazione dell'hpv: esito positivo, Genotipo 35.

La mia dottoressa mi prescrive findermforte per 21 giorni e poi per 7 giorni per tre mesi dopo il ciclo, per poi ripetere il paptest.

Volevo conoscere altre opinioni e soprattutto sapere se ci siano trattamenti alternativi più rapidi ed efficaci.
Mi preoccupa che si tratti di un genotipo ad alto rischio e che dopo la prima terapia non si sia debellato e dunque mi chiedo se non sia piu efficace agire in modo diverso.

Altresì vorrei sapere come comportarmi nei rapporti sessuali con il mio compagno.
Assumo la pillola anticoncezionale.

Rigrazio anticipatamente
[#1]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 40,9k 1,3k 253
Partiamo da un presupposto importante il suo pap test del luglio 2021 è risultato negativo e quindi a livello del collo uterino non ci sono modificazioni displastiche e neoplastiche , cioè le cellule sono normalissime.
La presenza del virus HPV 35 ci indica che si tratta di infezione " transitoria" , cioè non è associata ad alcuna lesione epiteliale (come nel suo caso ) e regredisce spontaneamente , mentre nel 20% dei casi si ha una infezione "persistente" . L'INFEZIONE TRANSITORIA" regredisce spontaneamente in un lasso di tempo che può variare da poche settimane a 24 mesi..
quindi da Colposcopista le consiglio una ripetizione dell'HPV test almeno a distanza di un anno (settembre 2022) per poter stabilire se si tratta di una INFEZIONE PERSISTENTE,
salutoni

dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test