In attenzione di un medico ginecologo

Buongiorno, sono in una situazione un po preocupante, ho 35 anni...per prima volta ho fatto l esame di papilloma virus (hpv) ed è stato evidenziato la presenza di hpv, (e secondo il pap test trisge) ha dato esito: lesione squmosa interpiteliale di basso grado).
contemporaneamente ho avuto anche la risposta del pap test: celulle squamose atipiche di significato indeterminato).
Si segnala la presenza di un intenso processo infiammatorio.
Flogosi aspecifica).

In precedenza da 1 anno se non di più ho avuto molto prurito nella parte della vulva.
Volevo capire se questo è dovuto alla presenza del Hpv?




Mi hanno consigliata di fare un esame di colposcopia.
Il fatto che nel esito ce scritto: lesione squamosa interpiteliale di basso grado, significa che ci sarà per forza una lesione?
un danno causato dalla presenza di Hpv?


inoltre ho sempre da tanti anni una mestruazione scarsa il ciclo è regolare ma con mestruazioni scarsi.


Volevo capire bene la situazione la LSIL viene considerato per forza un CN1?
una lesione precancerogena?
Se si...quanto tempo ci vuole che questa lesione precancerogena va a transoformarsi in una carcinoma?

Grazie per chi mi potrebbe dare una risposta
Cordiali Saluti
[#1]
Dr. Nicola Blasi Ginecologo 43.3k 1.4k 190
Si tranquillizzi la LESIONE INTRAEPITELIALE di basso grado equivale alla infezione da HPV . In questi casi si parla di displasie , non di neoplasie(cancro) . Il termine CIN si riferisce ad esame istologico , qui con il Pap test parliamo do esame citologico.
Il prurito vulvare è presente , in caso di infezione da HPV , soltanto in presenza di condilomi .
E' importante una precisazione per non creare panico : l'HPV dei condilomi fa parte della stessa famiglia , ma i virus HPV che causano i condilomi (verruche) NON provocano il tumore del collo uterino.
Nel caso di ASCUS il Collega deve eliminare il dubbio di una vaginite e ripetere il PAP test .
Una L-SIL per trasformarsi in tumore , devono trascorrere all'incirca 15 anni se trascurata.
SALUTONI

dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2]
Utente
Utente
Volevo aggiungere anche che quando ho fatto un tampone vaginale sono uscita positiva al ureoplasma parvum che l ho trattata con degli antibiotici , sembra che il prurito è più calmo .Non capisco se il prurito può essere dovuto anche a questa infezione oppure può essere un candilloma(verruche) Come lei mi ha spiegato prima ?
Grazie della sua attenzione
Vulvodinia

La vulvodinia è una patologie che colpisce la vulva, si manifesta con costante bruciore, secchezza e sintomi dolorosi che compromettono la vita sessuale.

Leggi tutto