Utente 954XXX
Mia suocera ha 92 anni e da circa un anno soffre di demenza senile all'ultimo stadio.Le é stato prescritto il TALOFEN (10 gocce alle 08 - 10 gocce alle 14 -venti gocce alle 21).La stessa,in seguito alla malattia,ha seri problemi nella deambulazione che riesce a superare appoggiandosi ad un sostegno.Da circa sei mesi ha problemi anche nel riposare la notte:infatti soffre di insonnia.
E' stata sempre una donna iperattiva.Cosa si può fare per darle un pò di riposo notturno:ho paura che,rimanedo in tale stato,possa lasciarsi andare definitivamente.Per opportuna conoscenza sono stati effettuati,circa un mese fà,esami del sangue che non hanno evidenziato alcun problema.
Grazie.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

non è possibile, come Lei certamente saprà, consigliare farmaci on line. Ne dovrebbe parlare con il medico curante o con lo specialista che segue Sua suocera. Il problema dell'insonnia in questi soggetti è spesso invalidante e di non facile soluzione in quanto si dovrebbe trovare un farmaco con un dosaggio equilibrato che non stordisca il paziente ma che nello stesso tempo possa avere una discreta efficacia terapeutica. A volte è necessario saggiare più farmaci fino a trovare quello efficace.
Si affidi ad uno specialista.

Cordiali saluti ed auguri
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 954XXX

egregio dott.FERRALORO
il problema che Le ho posto é stato trattato anche con lo specialista ma ancora oggi non é stato possibile risolverlo.
Le chiedo il TALOFEN é giusto per curare l'insonnia?o è consigliabile qualche altro tipo di molecola ?
Grazie anticipatamente

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il talofen è un neurolettico con un marcato effetto sedativo e spesso è efficace nel trattamento dell'insonnia di questi soggetti. Ovviamente esistono anche altre molecole utilizzate per tale scopo.
La terapia va individualizzata al massimo a seconda della risposta del paziente.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro