x

x

Ictus o farmaci?

Buonasera , sono un ragazzo,ho23 anni, Sono in cura da due settimane per via di un disturbo d ansia. Ho cominciato con xanax e trittico. Xanax 0'25mg due pasticche al giorno e trittico 75mg un terzo di pasticca la sera per poi passare a due terzi. Dopodiché ho aggiunto entact una goccia al giorno fino a sei. Li sono cominciati i problemi , dolore al braccio sinistro , e formicolio forte fino alla mano . Il braccio è tutto intorpidito . dal dolore e fastidio non ci ho dormito la notte , stessa cosa alla gamba sinistra. ho difficoltà a deglutire come se avessi un qualcosa he non va giù e ho le pupille molto dilatate . Ho pure un forte dolore al collo me lo sento rigido. Il mio psichiatra è in ferie per cui sono spaventato . ho provato a sospendere il trittico ma non era quello. Entact l ho già preso in passato così come lo xanax. Potrò essere diventato intollerante? mi sento uno straccio. Il punto è che mi sono imbattuto in un sito dove ho letto che quesi sintomi che manifestò io sono gli stessi di un ictus o di un tia.e che in età giovanile per causa di desecazione delle artiere del collo per micro traumi e iper estensioni del collo si può avere un ictus. Io ho il collo un po' gobbo tende ad andare in avanti , quindi per tenere la testa diritta lo iperestendo continuamente.!Spesso quindi lo sforzo e lo tengo in tensione quando faccio i pesi. Non so se devo correre al pronto soccorso a farmi fare un dopler del collo o una tac. Oppure calare semplicemente il farmaco .cosa devo fare?
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 71.5k 2.2k 23
Gentile Utente,

Le ho già risposto in un precedente consulto, è improbabile che siamo di fronte a problemi cerebrovascolari. Considerata la coincidenza con l'assunzione dei farmaci un'ipotesi possibile è quella degli effetti collaterali dei farmaci stessi o una possibile contrattura dei muscoli del collo.
Data però la Sua preoccupazione nulla vieta di farsi controllare al P.S. considerata la giornata festiva e quindi l'irreperibilità del medico curante.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro