Referto tc cranio encefalo

questo referto appartiene alla mia suocera che ha quasi 81 anni.l'esama tc del cranio è stato eseguito senza somministrazione di mdc.sfumata ipodensità della sostanza bianca periventricolare da leucoencefalopatia ipossico-degenerativa.strutture della linea mediana in asse.piccole lacune malaciche a livello dei nuclei della base e del centro semiovale bilateralmente.spazi liquorali periencefalici e ventricolari dilatati su base atrofica.in fossa posteriore il quarto ventricolo appare in sede e non si riconoscono processi espansivi,calcificazioni parietali dei sifoni carotidei.vorrei sapere se c'è qualcosa di grave oppure rientra nella normalità.grazie mille.
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,8k 2k 23
Gentile Utente,

sono frequenti a riscontrarsi questi reperti TC all'età della Signora.
Il problema è duplice, uno di tipo vascolare con ridotto apporto di ossigeno al cervello ed uno di tipo cellulare (neuronale) con sofferenza delle cellule che vanno incontro ad atrofia, cioè ad uno stato di regressione.
Perché la Signora ha effettuato l'esame?

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
buongiorno dottore, la ringrazio per la sua celere risposta.la signora ha effettuato questo esame perché è arrivata in p.s. per la seconda volta per episodi sincopali con trauma cranici, inoltre devo dirle che è ipertensiva p.a.260-157,oltre a questo non ricorda mai nulla del tipo: fa la stessa domanda ogni 2 minuti, non sa il giorno della sua nascita, non sa la sua età, non sa che giorno è, non cura fisicamente la sua persona essendo molto trascurata, non ricorda quello che succede il giorno o comunque nella settimana in corso ma ricorda solo il passato, ma nonostante tutto è una persona molto attiva anzi iperattiva, cammina continuamente, a vederla non sembra tutto quello che gli ho appena descritto. lei vive da sola perché non ne vuole sapere di venire a vivere da suo figlio, se insisto nel dirli di venire a casa nostra diventa molto aggressiva verbalmente .penso sia coretto precisare anche il fatto che lei la terapia per la pressione non la vuole prendere perché la fa andare troppo spesso al bagno per urinare(spesso non trattiene la pipi e sembra non accorgersi perché non ci fa caso nonostante esce bagnata), ma il vero motivo è che le piace tenersi "in forma "bevendo non poco vino bianco e fumando anche 3 pacchi di sigarette al giorno. ora la mia domanda o meglio detto, la mia paura e:ha l' alzeimer o qualcosa del genere? cosa dovrei aspettarmi dal futuro per quel che riguarda la sua salute mentale? mi scuso per la lunga risposta e attendo con ansia una sua risposta.
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,8k 2k 23
Gentile Utente,

la prima cosa da fare è convincere la suocera ad assumere gli antipertensivi, non necessariamente deve esserci il diuretico (mi sembra comunque opportuno assumerlo). I valori pressori che Lei riferisce sono estremamente pericolosi sia in fase acuta per il rischio elevato di ictus cerebrale (ischemico ed emorragico) sia nel tempo, aggravando i problemi già evidenziati alla TC.
Comunque i reperti riscontrati non fanno fare diagnosi di Alzheimer ma giustificano la sintomatologia descritta, inoltre possono anche accentuarla senza un'adeguata terapia e senza un compenso farmacologico dei valori pressori.
Pertanto faccia effettuare una visita neurologica ed una cardiologica, quest'ultima anche per impostare un idoneo trattamento antipertensivo.

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
grazie mille, lei la visita cardiologica lo ha già fatto e gli è stato prescritto valpression e norvasc da prendere sempre ma come gli ho già detto come sta la situazione non credo che riuscirò a convincerla.io so che rischia l' ictus o l' infarto ogni istante perché mi è stato già detto in pronto soccorso quindi non mi rimane che sperare che questa cosa non accada.grazie mille di tuto. buona giornata

L'Alzheimer è una malattia degenerativa che colpisce il cervello in modo progressivo e irreversibile. Scopri sintomi, cause, fattori di rischio e prevenzione.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test