Quest'estate quando ho smesso di lavorare sono riuscito a dormire normalmente ma da settembre

Buongiorno ho un'insicurezza caratteriale che mi provoca ansia specie in ambiente lavorativo, infatti da quando ho iniziato il mio nuovo lavoro dormo non più di 4 ore a notte.Quest'estate quando ho smesso di lavorare sono riuscito a dormire normalmente ma da settembre l'insonnia si è ripresentata.

Parlando con il medico di base mi ha detto che potevo prendere 10 gocce di paroxetina, quando gli ho detto che sapevo che di solito l'antidepressivo viene accompagnato da un ansiolitico nelle settimane iniziali mi ha risposto dicendo che volendo la paroxetina può essere usata anche da sola.

Volevo chiedere se siete daccordo con questa affermazione del medico.
Grazie
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,9k 2k 23
Gentile Utente,

l'antidepressivo i primi giorni di assunzione potrebbe accentuare l'ansia, in questi casi è conveniente associare l'ansiolitico per alcune settimane per poi ridurlo gradualmente fino a sospenderlo. Se tale evenienza non si presenta o non è particolarmente fastidiosa si può anche assumere l'antidepressivo non associato all'ansiolitico.

Cordiali saluti ed auguri

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Lei crede che la prescrizione del medico (10 gocce ) anche se bassa possa essere comunque terapeutica?

Il medico curante mi ha detto che la paroxetina/daparox è "Tranquilla" nel senso che non dovrebbe darmi molti effetti collaterali io invece ho letto di pazienti che hanno avuto problemi importanti con questa molecola e quindi sono ancora indeciso se iniziare la cura.
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,9k 2k 23
Gentile Utente,

gli effetti collaterali di qualsiasi farmaco sono individuali, cioè variano da un soggetto all'altro, per cui non è possibile generalizzare.
Anche l'efficacia varia da un soggetto all'atro. Le posso solo dire che la paroxetina è un farmaco indicato per i disturbi d'ansia. Il basso dosaggio potrebbe essere soltanto iniziale.
Se Lei non è sicuro della sua assunzione può rivolgersi ad uno specialista per sentire un altro parere.

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Inanzitutto tanti auguri di buon anno

Poi riguardo le 10 gocce di daparox quelle sono la terapia che il medico mi ha detto di seguire per almeno 4 mesi.



Per chi ha una insicurezza , fobia sociale , disturbo d'ansia generalizzato prendere un antidepresivo equivale a risolvere tutti questi problemi definitivamente/permanentemente?
[#5]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,9k 2k 23
Gentile Utente,

nessun farmaco può "promettere" di risolvere le patologie di una persona.
Nel Suo caso, come Le dicevo precedentemente, il farmaco è indicato e congruo alla diagnosi di disturbo d'ansia generalizzato. Spesso agisce in modo molto efficace, a volte definitivamente, altre volte parzialmente, a volte è necessario continuare con dosi di mantenimento per un lungo periodo, di anni. Esiste infine la possibilità dell'inefficacia della molecola.
Queste variazioni di effetto sono dovute a molteplici fattori, in primis individuali, pertanto alla Sua domanda si può rispondere solo in generale lasciando aperte diverse possibilità.

Grazie e tanti auguri di buon anno anche a Lei
[#6]
dopo
Utente
Utente
Quindi la paroxetina è congrua per il disturbo d'ansia generalizzato , ma secondo lei è anche congrua per l'insicurezza e la timidezza/fobia sociale ?


Se uno ha un carattere ansioso un antidepressivo è in grado di cambiargli il carattere ?
[#7]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,9k 2k 23
L'antidepressivo non cambia il carattere ma può eliminare fastidiosi sintomi ansiosi e migliorare la qualità della vita.
Nel suo caso mi pare anche indicato associare la psicoterapia, essendo insicuro e timido.

Cordialità
[#8]
dopo
Utente
Utente
Volevo chiedere un suo parere su un'affermazione di una psichiatra che mi disse che gli antidepressivi vanno a stimolare il non riassorbirbimento della serotonina, cosa che si potrebbe anche ottenere facendo attività fisica, training autogeno, meditazione , lei concorda con questa affermazione?




Ho anche sentito che il cioccolato fondente, le noci, l'iperico e l'esposizione al sole favoriscono la produzione di serotonina , secondo lei è vero?
[#9]
dopo
Utente
Utente
E in particolare l^attività fisica
[#10]
dopo
Utente
Utente
Per attività fisica intendo ovviamente quella di lunga durata
[#11]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,9k 2k 23
Le confermo che l'attività fisica può aumentare i livelli di serotonina ma spesso non in maniera sufficiente alla cura di determinate condizioni per cui è necessario ricorrere alla terapia farmacologica.
In ogni caso l'attività fisica è consigliata sia ai pazienti ansiosi che depressi.
Alcuni cibi di quelli che menziona e l'iperico hanno un effetto simile.

Buona serata

[#12]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno, avevo dimenticato di dirle che io circa 18 anni fa ho assunto il sereupin che come principio attivo se non sbaglio ha sempre la paroxetina, ora mi chiedevo se visto che 18 anni fa non mi ha risolto i problemi ha senso dire che adesso me li potrebbe risolvere?
[#13]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,9k 2k 23
Dipende dal tipo di problema e dal dosaggio, quest'ultimo è un elemento indispensabile per un buon risultato terapeutico, infatti capita spesso che un insuccesso terapeutico sia da attribuire ad un dosaggio inadeguato di un determinato farmaco.

Cordiali saluti
[#14]
dopo
Utente
Utente
sono sicuro di aver assunto la paroxetina in compresse , quindi essendo compresse deduco di aver assunto la quantità raccomandata di 20mg per la risoluzione della fobia sociale.
Per questo mi chiedevo se a distanza di tanti anni mi ritrovo ad avere una sintomatologia da fobia sociale , quell'antidepressivo non è stato curativo e non lo è per me o magari ripreso a distanza di quasi 20 potrebbe funzionare?
[#15]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,9k 2k 23
Gentile Utente,

è impossibile rispondere a questa domanda, le evenienze che cita sono teoricamente entrambe possibili.

Cordialmente

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test