Utente 409XXX
Salve,
Sono circa due mesi e mezzo che continuo ad avere mal di testa. È iniziato con una forte pressione all' occhio destro e una sensazione di malessere.Il mal di testa è via via aumentato e ho preso qualche antinfiammatorio e diverse compresse di tachipirina 1000 senza risolvere anzi, il mal di testa è diventato molto forte.Quasi non riuscivo a capire da dove arrivasse il dolore e avevo sempre la nausea. Ho fatto una prima visita neurologica circa un mese e mezzo fa con esito negativo.Il neurologo mi ha che poteva trattarsi di cefalea tensiva e di attendere prima di fare una risonanza, poiché pensava che il mal di testa fosse dovuto agli anticoncezionali (ho dovuto prendere per 5 mesi la pillola Visanne per endometriosi). Mi ha solo dato del magnesio e ibuprofene se il dolore era insopportabile. Non ho ricevuto alcun beneficio e la paura e la preoccupazione nel frattempo sono aumentate,quindi dopo una ventina di giorni sono andata da un altro neurologo per rifare la visita e sottopormi ad elettroencefalogramma. Visita neurologica negativa e il risultato dell' elettroencefalogramma è stato buono. Anche questa volta il dottore mi dice di evitare la risonanza o tac poiché pensa che sia causa della pillola e di attendere una quindicina di giorni. Dopodiché nel caso avessi avuto ancora dolore,potevo iniziare una cura con topomax da 50. Il dolore al momento si è localizzato all' occhio destro e alla tempia destra,si alterna una sensazione di pressione a vero e proprio dolore. Sono terrorizzata al pensiero di una malattia importante come aneurisma o altro. Ho fatto da poco le analisi del sangue e tutti i valori erano nella norma. Cosa mi consigliate? Scusate se sono stata così prolissa, ma è da un pò di tempo che va avanti tutto questo. Grazie in anticipo a chi risponderà.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la sintomatologia descritta non fa pensare ad un aneurisma cerebrale. Capisco la Sua preoccupazione considerata la persistenza del dolore. Mi pare però che sia il momento di iniziare una terapia di prevenzione. Il collega, in base al farmaco prescritto, si è orientato su una forma emicranica, però potrebbe anche esserci una componente tensiva (il senso di pressione) venendosi a configurare quella che viene definita cefalea mista (emicranica e tensiva).
Non è da escludere nemmeno un problema odontoiatrico in senso generale e specificatamente dell'articolazione temporo-mandibolare.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 409XXX

Gentile Dott. Ferrarolo,
La ringrazio per la risposta,mi sento un pò più tranquilla. In effetti già faccio uso del byte, in quanto tendo a stringere i denti di notte. Una delle prime cose è stato controllarlo perché credevo che non fosse registrato correttamente,dato che lo porto da circa un anno. Ma il dentista mi ha assicurato che il byte andava bene.
Farò qualche altro controllo allora e speriamo di riuscire a risolvere,a volte il dolore è proprio insopportabile.
Grazie ancora e buona domenica.

Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

se non dovesse risolvere il problema sarebbe indicato anche un secondo parere neurologico.
Se vuole può farci sapere gli sviluppi del caso.

Buon primo maggio
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 409XXX

Gentile Dottore,
provvederò ad ulteriori controlli poiché il dolore ancora non è passato ed è spesso accompagnato da sensazione di nausea.
La aggiornerò volentieri circa gli sviluppi.

La ringrazio e le auguro una buona giornata
Saluti

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Ok, mi faccia sapere.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro