Utente 427XXX

Salve, vorrei un vostro parere riguardo al referto della risonanza magnetica encefalo.

Ho fatto la risonanza poiché avevo avuto dei forti mal di testa accompagnati da uno o due episodi di vertigini.

Premetto che era un periodo molto stressante ed ero stata anche diversi giorni prima di questi attacchi senza dormire a causa della mia bambina che era malata. Comunque allarmata poiché mi sentivo molto stanca e la testa davvero mi scoppiava ho eseguito la rm.

 

Il referto dice:
Nella norma cavità cisternali e ventricolari, non si rilevano aree di modificato segnale nel strutture parenchimali tronco cerebellari della fossa cranica posteriore, mentre in sede sovratentoriale qualche, millimetrica sporadica ed aspecifica area di aspetto microcicatriziale è localizzata nei settori sotto corticali della corona radiata di destra nelle componenti frontali e fronti parietali. Tali reperti non hanno un corrispettivo alterato segnale nelle sequenze in diffusione e ad echo gradoente in t2. Regolare corpo calloso, linea mediana in asse, simmetrici i forami acustici interni, libere le cisterne dell'angolo ponto cerebellare, trigeminali e sovrasellari. Regolare il flusso delle carotidi interne all'ingresso intra cranico.regolare la giunzione cranio cervicale e bulbo midollare. Modesta modificazione di tutti i dischi cervicale verosimilmente in rapporto ad una minima incipiente disodratazione. La sporgenza C3 C6 lambisce la faccia durale anteriore senza coinvolgere midollo e radici, mentre la sporgenza del disco C6 C7 determina contatto durale e modesto coinvolgimento radico bilaterale, lievemente più pronunciato a destra. Riconoscibili gli spazi liquidalo premidollari, il midollo non mosta aree di modificato segnale. Nella norma morfologia, segnale e reciproci rapporti delle articolazioni intera pigiatrice. Riconoscibile l'asse arterioso carotideo e vertebrale del collo senza asimmetrie di calibro.


Detto ciò sono stata dal neurologo perché nessuno al centro dove ho svolto la rm mi aveva spiegato il referto, la visita neurologica è stata negativa e lui non ha dato peso alle aree cicatriziali, solo che nelle conclusioni della rm, c'era scritto che se condiviso dal parere del clinico bisognava approfondire tali reperti tramit rm con contrasto e Angiò rm o Angiò tac.

Visto che a volte continuo ad avere delle fitte di emicrania vorrei avere anche un vostro parere. Grazie

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

"qualche, millimetrica sporadica ed aspecifica area di aspetto microcicatriziale e' localizzata nei settori sotto corticali della corona radiata di destra nelle componenti frontali e fronti parietali" in effetti non ha significato clinico particolare, potendo anche essere causati da violenti attacchi emicranici.
Il neurologo quale diagnosi ha fatto? Le ha prescritto una cura per la cefalea che riferisce?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 427XXX

Grazie mille per la risposta. Il neurologo riguardo tali aree non ha detto nulla, anzi a detta sua sarebbe quasi esagerato fare altri accertamenti ora. Mi ha consigliato di ripetere una risonanza tra un anno in ospedale e non in un centro privato. Per il resto sinceramentei mi ha prescritto degli antidepressivi poiché secondo lui sono molto stressata ed aime' realmente un po' ipocondriaca. Devo dire che le gocce di cipralex mi hanno aiutata ma comunque a volte mi capita ancora di avere questi mal di testa a fitte per qualche secondo che non so a questo punto se dipendano appunto dal mio stato ansioso, dai problemi cervicali o da i miei disturbi dell'atm o non so da cos'altro. Lei cosa mi consiglia? Posso stare tranquilla riguardo il referto della rm? Grazie ancora

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

sì, mi sento di tranquillizzarLa e condivido il consiglio del collega, cioè ripetere tra un anno la RM.
Per quanto riguarda la causa, le ipotesi da Lei avanzate sono teoricamente possibili.
Se ha un problema all'ATM si faccia vedere da uno gnatologo.
Anche il fisiatra sarebbe uno specialista da consultare, per i problemi cervicali.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 427XXX

Grazie mille. Mi sono già rivolta allo gnatologo, in seguito contatterò anche un fisiatra nella speranza di trovare una soluzione. Grazie per le risposte, un parere in più fa sempre comodo.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla, buona serata
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 427XXX

Mi scusi se mi permetto di disturbarla ma solo per mia curiosità.. Da cosa sono dovute queste piccole cicatrici si può sapere? Cioè se non fossero l'inizio di qualcosa di più serio? Grazie e scusi ancora se approfitto della sua gentilezza

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente

Le cause possono essere tante, da attacchi emicranici violenti, a vecchie microischemie, da pregressi traumi cranici a sofferenza perinatale, cioè durante la nascita, ecc. ma non sempre si riesce ad individuare.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 427XXX

Be' in effetti le cause potrebbero essere molte e forse il mio troppo voler capire mi porta un po' a fare confusione. Se posso permettermi, veramente come ultima domanda, le chiedo una cosa che mi sono dimenticata di chiedere al neurologo durante la visita. Cosa significa "che non hanno un alterato segnale in t2 e a diffusione?" Grazie ancora per il servizio

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

un'immagine che non ha alterato segnale in t2 è da leggersi positivamente in quanto esclude, per es., lesioni demielinizzanti e la non diffusione esclude problematiche recenti, in fase acuta.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 427XXX

Ho sbagliato a scrivere "in echo gradoente pesate t2" sempre la stessa cosa?

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Sì, la risposta non cambia.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 427XXX

La ringrazio, poiché per cercare risposte, ho guardato su internet e mi sono davvero confusa, non capendo cosa fosse questo echo di gradiente poiché trovavo solo cose inerenti a problemi circolatori e non invece come mi h detto lei di lesioni, che erano la mia paura..grazie mille

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

per l'esclusione di problematiche recenti mi riferivo ad eventi circolatori, mi scuso se non l'ho aggiunto, è stata una dimenticanza.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 427XXX

Ma si figuri. Grazie mille. Buona giornata

[#15] dopo  
Utente 427XXX

Salve dottore mi scusi se riapro questo consulto, e mi rendo conto che dovrò consultare il neurologo perché solo lui potrà chiarirmi dei dubbi o ancor meglio chi mi ha te ferrato la rm. La domanda è' questa visto che lei è sempre molto gentile e schietto: perché se "tali reperti non hanno un corrispettivo modificato segnale in echo gradoente pesate t2 ed a diffusione" dovrei ripetere secondo il radiologo la rm con contrasto? Cioè se come mi ha detto lei il fatto delle sequenze t2 esclude malattie demoralizzanti e la diffusione cos'è acute per quale motivo dovrei ripetere con mdc e Angiò rm? C'è uno schema preciso che dice di farlo o magari è per scrupolo eccessivo? Grazie

[#16] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

la ripetizione dell'esame con mezzo di contrasto serve sia per verificare la stabilizzazione o eventuali variazioni delle alterazioni riscontrate ma anche per escludere nuove alterazioni del segnale.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#17] dopo  
Utente 427XXX

In che senso "nuove alterazioni del segnale?" Quindi comunque non avendo fatto la rm con contrasto non posso stare tranquilla per il vecchio referto?! La ringrazio per la risposta come sempre.

[#18] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

può stare tranquilla riguardo la RM effettuata.
Ovviamente il neuroradiologo in base al referto consiglia degli approfondimenti ma solo se il neurologo concorda.
Il collega l'ha peraltro tranquillizzata per cui non vedo motivi di preoccupazione.

"In che senso "nuove alterazioni del segnale?" nuove immagini come quelle già riscontrate, per questo si fanno i controlli nel tempo.
Viva serenamente la Sua vita.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#19] dopo  
Utente 427XXX

Ha perfettamente ragione.. Forse mi ha solo infastidito il fatto che ho eseguito privatamente queste due rm, pagate tantissimo e nessuno mi ha detto anche solo mezza parola, quindi facendomi venire tanti dubbi. L ringrazio e buona giornata.

[#20] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buona giornata anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro