Utente 274XXX
Buongiorno, il consulto e' per il mio compagno.
A seguito di bruciore alla gamba destra e piede, bruciore non intenso ma continuato per mesi, che non impediva la mobilita', il medico lo sottomette a elettromiografia dalla quale risulta parestesia. Dopo qualche giorno ha torpore al viso e al braccio destro, su consiglio del medico va al prontosocorso dove esguono tac e esami neurologici, risposta al tatto, forza nel braccio camminata e tutto risulta negativo ha forza e tatticita' normale, la tac e' a posto. il torpore al viso passa in giornata, il torpore al braccio dura qualche giorno ma passa.
In ospedale gli prescirvono rmn del cervello e del tronco encefalico e rmn delle Colonna vertebrale. Di seguito l'esito di questi due esami :
Rm celebrale. Questito diagnostico : parestesie emisoma dx.
Indagine realizzata in tecnica tse e flair sia prima che dopo infusion endovenosa di mdc.
Il quarto vertibolo e' in asse di nomrale morfologia.
Il sistema ventricolare sovratentoriale e' in asse, simmetrico, di normale morfologia e dimensioni.
presenza di tondeggianti focolai di alterato segnale iperintensi nelle sequenze a tr lungo localizzati nellasostanza Bianca di entrambi gli emisferi celebrali prevalenti in sede periventricolare lungo il profilo dellecelle medie e in sede pontina parasagittale dx e in sede mesencefalica - peduncolo celebrale sono compatibili in prima ipotesi con focolai di demielinizzazione.
Non enhacement patologici dopo infusion endovenosa mdc
Sistema ventricolare e solchi corticali nella norma.
Necessaria consulenza specialistica neuriologica
Rmn della Colonna senza e con contrasto Questito diagnostico : parestesie emisoma dx.
Indagine realizzata in tecnica tse e stir sia prima che dopoinfusione endovenosa di mdc.
nei limiti della norma l'allineamento e la morfologia dei metameric vertebrali.
Non ernie discali.
Il midollo spinale cervicale e' di regolare morfologiae segnale sense enhancement patologici dopo infusion endovenosa mdc; e' dubbia la presenza di un puntiformefocolaio iperintenso in stir in sedeintramidollare al passaggio cranio-spinale all'altezza del dente dell'epistrofeo forse riferibile ad artefatto ma di cui appare utile (vista la rm encefalo appena eseguita) controllo a distanza.
Nella norma I diametric del canale rachideo

Questo e' quanto.
Grazie per una rsisposta

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

i reperti riscontrati a livello encefalico possono essere compatibili con alterazioni demielinizzanti, ovviamente non abbiamo la certezza.
L'esito negativo della visita neurologica e la non impregnazione del mezzo di contrasto sono due elementi altamente positivi.
Consigliabile rivolgersi ad un centro per le malattie demielinizzanti per ulteriori approfondimenti diagnostici.
Assolutamente condivisibile il controllo RM a distanza di tempo, tempo che sarà indicato dal neurologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 274XXX

Buongiorno dottore, grazie mille.
Per caso puo indicarmi a Milano un centro specializzato in queste malattie? Che esami di approfondimento andrebbero fatti?

Saluti

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

a Milano esistono diversi centri di eccellenza, tutti dello stesso elevato livello, consigliarne uno farebbe torto agli altri, consideri che questo sito ha un'alta visibilità per cui non sarebbe corretto un'indicazione in tal senso.
Se vuole può contattarmi telefonicamente al numero che trova nella mia pagina personale di questo stesso sito.
Ulteriori indagini possono comprendere i vari Potenziali Evocati e la rachicentesi (puntura lombare) per la ricerca delle bande oligoclonali nel liquor.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro