Utente 437XXX
Salve dottori, sono una ragazza di 20 anni, molto ansiosa e ippocondriaca, ieri sera dopo essermi addormentata da una 15 di minuti, mi sono svegliata (piu o meno dormiveglia) ho guardato il mio ragazzo, ma non riuscivo a ricordare il suo nome, ma sepevo chi fosse questo per meno di un 1 minuto e mi sentivo proprio stanca. Questa cosa mi ha spaventato molto e mi ha mandato in panico per la paura di poter dimenticare chi e le cose che amo. È un problema? Dovrei preoccuparmi?

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

un episodio del genere e dalla brevissima durata non assume un significato patologico, mi sentirei di tranquillizzarLa.
Se questi episodi dovessero ripetersi, una valutazione presso un centro di medicina del sonno sarebbe indicata, senza preoccupazioni però.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 437XXX

Quindi posso stare tranquilla? Non è grave e non significa che sto perdendo la memoria? Nel caso dovesse risuccedere dovrei preoccuparmi o sarebbe un semplice disturbo del sonno eventualmente da curare? Grazie mille :)

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

stia tranquilla, non perderà la memoria, è un disturbo del sonno che non ha caratteristiche patologiche particolari.
Come Le dicevo precedentemente, qualora dovesse ripetersi, si rivolga senza preoccupazioni ad un centro di medicina del sonno.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 437XXX

Grazie mille, sempre molto efficenti :)

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro