Utente 453XXX
Egregi Dottori,
riporto di seguito il mio quesito, ringraziandovi in anticipo per la cortese attenzione.

- da circa 4 mesi, all'avvio di una forte dieta ed in condizioni di elevato stress da lavoro, ho iniziato ad avvertire una lieve sensazione di capogiro che parte alla base della nuca.
- analisi del sangue ok, l'otorino esclude sin da subito problemi al labirinto e vertigini;
- i sintomi continuano anche se non sono invalidanti e non incidono sull'equilibrio ma solo sull'umore;
- inizio a percepire un nuovo sintomo, un fastidio al palato duro ed al collo, lieve mal di testa frontale;
- il medico di base, l'otorino, il dentista ed il neurologo ritengono che tutto ciò sia dovuto ad una disfunzione della articolazione temporo-mandibolare e mi riscontrano una maleocclusione di terza classe che può determinare i suddetti sintomi;
- rx cervicale evidenzia ridotto spazio tra c5 - c6 con discopatia;
- il neurologo sembra escludere altre patologie perchè la visita va bene, ma rileva una cefalea tensiva dovuta da ansia e anche da cervicale più sintomi della disfunzione della ATM;
- il dentista mi predispone un bite dentale, che al momento è in fase di rodaggio e non ha ancora sortito gli effetti sperati.

Detto tutto ciò, il problema è che, essendo un soggetto particolarmente ansioso circa la sfera medica, tutta questa situazione provoca maggiore ansia e stress in quanto nelle ultime settimane è peggiorata la cefalea frontale con fastidio alla fronte e intorno gli occhi e la cosa mi preoccupa.

Infine, tendo a non utilizzare farmaci quindi in tutto questo periodo ho assunto solo per un breve periodo un antiinfiammatorio.

Grato per un Vs. parere generale.

Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

aspetterei per verificare gli eventuali benefici del bite, se non avesse benefici inizierei un'idonea terapia per la cefalea tensiva (non a base di antidolorifici) rivolgendosi al neurologo.
È normale che in casi di cefalea tensiva l’esame neurologico sia negativo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro