Utente 542XXX
buon giorno dottori,vi contatto per un problema che mi sta affliggendo da un po,ultimamente circa già da un mese mi sento un po strano,ho 19 anni vivevo a Palermo e mi sono trasferito per motivi di amore e per lavoro in puglia,si fa per dire motivi di lavoro,perchè attualmente sono disoccupato a giugno avrò pure un figlio ,beh che dire una bella situazione,i miei sintomi sono giramenti di testa pesantezza tra il collegamento dell'atlante e il cranio dipende come inclino il collo e il mal di testa si affievolisce o aumenta, se sto con la testa piegata un po giu verso il mio torace ho come la sensazione di vene pulsanti dietro la nuca e mi sento strano..
un altro episodio che mi è capitato praticamente stavamo facendo una passeggiata e per 3-4 volte mi è venuto di cadere a terra ma mi sono come trattenuto ho fatto dei respiri e mi si è affievolito ma camminando il mal di testa che parte dalla parte dell atlante,mi dava come pressione e mi sentivo quasi come con vertigini e leggero,in piu ho pure problemi alla vista,ho fatto un esame dall ottico e mi ha detto che passo troppo tempo davanti ad uno schermo e che quindi questo disturbo puo essere dovuto ad un eccessiva esposizione a schermo,mi ha consigliato degli esercizi di stratching dell occhio,sarò sincero con voi continuo ad utilizzare il cellulare per molto tempo a volte tenendo in maniera scorretta la postura,poi avendo mio suocero come infermiere mi ha fatto una sorta di test per verificare se fosse cervicale il test consisteva nel chiudere gli occhi e darmi una spinta al torace alle spalle dx e sx e vedere se perdevo l equilibrio ma lui ha detto che essendo che non ho perso l equilibrio non si tratta di cervicale, allora io ho pensato ma sarà nervo valgo infiammato oppure muscolo tensivo infiammato? ultimamente sono anche giu di morale e non nego che ho paura che possa essere qualcosa di grave insomma sto per diventare papà e voglio esserci non voglio che una malattia mi porti via voglio vivere ogni momento,sia ieri che oggi ho un po di nausea e quando vado in bagno ho feci molli(da circa un mese due) ,la mia routine alimentare non è stata delle migliori ho mangiato per un periodo molto cibo spazzatura e quant'altro,non ho avuto una vita molto movimentata ma molta sedentarietà un altra cosa che mi è venuta in mente sempre un sintomo avuto di recente è che quando parlo con qualcuno non sempre ma avvolte mi viene come un a confusione mentale e quel giramento ,cioè se io sto parlando dopo un po mi mancano delle parole e mi fermo un attimo per rielaborare,circa un mese fa ho fatto anche degli esami di sangue che il mio medico ha visto,e li ha considerati come valori normalissimi ,ho davvero paura vi prego di aiutarmi preferirei che qualcuno mi dicese con certezza che sono problemi psicologici e di stress o ansia piu tosto che di una ,malattia ....

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazzo,

sinceramente non vedo malattie importanti, probabilmente il Suo è solo un problema ansioso causato dalle varie vicende della vita e adesso anche dall’ansia per l’arrivo del bambino che comunque Le deve dare gioia, una vita che nasce è sempre un motivo di felicità.
Anche problemi di postura possono causare alcuni sintomi descritti, soprattutto quelli a livello cervicale verosimilmente dovuti a tensione nervosa e muscolare.
Non si abbatta, se ci fossero stati sospetti importanti il medico curante avrebbe senz’altro approfondito ulteriormente il caso.
Stia sereno.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazzo,

deve praticare attività fisica costante ed un'alimentazione corretta, a prescindere dalle "cervicali" dove questa non influisce. Limiti quindi la vita sedentaria e l'utilizzo esagerato del cellulare che lo costringe ad una postura scorretta e prolungata.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro