Utente
Salve, sono un ragazzo di 18 anni e soffro da sempre di continue emicranie sul lato destro della testa (all’altezza delle tempie).
A dirla tutta quando ero ancora un bambino il dolore lo avvertivo intorno all’occhio, crescendo (fino agli 8 anni credo) intorno all’orecchio e adesso in tutta la zona temporale.
Il mal di testa è accompagnato a diversi sintomi, tra cui alcuni tipo:
Fotosensibilità;
Fonosensibilità;
Termosensibilità;
Difficoltà motorie (mi sento un po’ rallentato);
Forte irritabilità;
Senso di nausea (sporadicamente);
Vomito (molto raro);
Rigonfiamento delle vene temporali destra (o almeno credo, è una vena che mi parte da subito dopo l’orecchio all’altezza degli occhi e mi arriva fino alla fronte) e frontale (più raro);
Forte senso di fame prima del vero e proprio dolore (non sempre);
Difficoltà nel parlare (dovuto al forte dolore);
Difficoltà a concentrarmi.

Il dolore è pulsante e se premo la vena della tempia in alcuni punti, momentaneamente il dolore sparisce.
Gli attacchi si manifestano piuttosto frequentemente, circa un paio di volte a settimana in genere anche se in realtà spesso capitano episodi che si limitano ad un dolore sopportabile e che passano da soli in qualche minuto o al massimo in un’ora.
Possono essere causati da molteplici fattori:
Stress;
Cambio di tempo;
Cambio di umore;
Esposizione a luci artificiali;
Allergie;
E molti altri, ma spesso mi viene anche senza un motivo specifico.

Per farmi passare un attacco prendo un antidolorofico (che non sempre fa effetto) e se non passa l’unico modo è mettermi a dormire.
Da diversi anni ormai vengo seguito in un centro neurologico ed ho seguito delle cure (prima con integratori e successivamente farmocologiche), che peró non hanno fatto niente.
Come potrete ben capire questo disturbo è molto invalidante, soprattutto a livello sociale. Ovviamente uno ci fa l’abitudine, ma a volte è davvero ingestibile.
Ora, dopo avervi scritto questo papiro che sicuramente per voi saranno cose sentite e risentite, la mia domanda è:
Secondo voi e per la vostra personale esperienza, è possibile limitare o addirittura eliminare questo tipo di problema? Ed è normale che mi si gonfino le vene?
Grazie e buon lavoro!

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Ragazzo,

l’ipotesi dell’emicrania è verosimile ma non vedo descritte eventuali aure.
Quali farmaci di prevenzione ha fatto e per quanto tempo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Allora, ho seguito prima dei cicli di integratori, per lo più a base di magnesio e vitamine. Poi sono passato ad un tipo di cura farmacologica, prendendo Migratens (o Migraten, perchè essendo in vacanza non ho le ricette) per circa due mesi.
Comunque capisco che avró mal di testa durante il giorno sin da appena sveglio, per questo ho scritto con aura .
Grazie !

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Ragazzo,

allora non si tratta di aura emicranica, potrebbe essere più corretta un’emicrania senz'aura.
Anche gli ultimi prodotti che menziona sono integratori.
Comunque ci sono diverse molecole da potere utilizzare come prevenzione.
Effettui una visita neurologica presso un collega esperto in cefalee.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro