Utente 233XXX
Buongiorno,

scrivo per sottoporvi il mio caso.

Il 3 dicembre mi sono recato al pronto soccorso per un'improvvisa diplopia. Dopo una serie di esami e visite, la valutazione conclusiva del neurologo è la seguente:

Visita neurologica di controllo per rivalutazione di diplopia.
In APR: TAO per FA, distiroidismo trattato con radioiodio.

Il 3/12 esordio acuto di diplopia per sguardo verso destra e sfumata di verticalità; giunto in PS, TC encefalo negativa, esami ematici nella norma; sottopostaa visitaneurologica ed oculistica, veniva dimesso con diagnosi di deficit VI n.c. in distiroidismo.
Ha eseguito ambulatorialmente esami ematici con Hb glicata: 6,2%, ipercolesterolemia funzionalità tiroidea nella norma, RMN encefalo: nella norma (segnalata area di gliosi aspecifica frontale sinistra); TEST di Hess: deficit di elevazione, OS>DS, deficit RE OO, deficit RI OS.
Dall'accesso in pronto soccorso, riferito lieve miglioramento la mattina con persistenza di diplopia per sguardo a destra, sinistra e er sguardo di verticalità che peggiora durante la giornata.
EON attuale: diplopia per sguardo verso destra, sinistra e per sguardo di verticalità; MOI integri con RFM presente bilateralmente.

Vista la persistenza del disturbo e l'andamento quotidiano, si consiglia:
-EMG con stimolazione ripetitiva (esauribilità della placca NM?)
-visita endocrinologica (neuropatia da distiroidismo?)
-a scopo terapeutico utile: delacortene: 25 mg: 2cp ore 8 per 5 giorni, poi 1 cp ore 8 per 3 giorni, poi ½ cp ore 8 per 3 giorni, poi ½ cp à dì alterni per 6 giorni, poi stop; associare gastroprotezione
-rivalutazione neurologica fra un mese.

La valutazione dell'endocrinologo da me consultato è invece:

I dosaggi anticorporali eseguiti presso la Medicina Nucleare escludono la presenza di anticorpi antorecettore del TSH la cui elevazione potrebbe giustificare la presenza di una oftalmopatia tireotossica.
L'assenza di esoftalmo e la normalità della Risonanza ed appunto la presenza di un normale titolo degli anticorpi antirecettore escludono tale ipotesi diagnostica nella genesia della sintomatologia visiva.

In accordo con i colleghi oculisti e neurologi sono pertanto a proporle una valutazione presso la Neurofisiopatologia.

L'elettromiografia/elettroneurografia è prevista per i prossimi giorni.


Preciso che:

nel luglio 2005 mi è stata diagnosticata une iperplasia tiroidea iperfunzionante, trattata prima con Tapazole e poi successivamente con trattamento radiometabolico con 131I dalla primavera 2006. Assumo quindi Eutirox, 1 cp per 6 giorni.
Contestualmente mi è stata diagnosticata una fibrillazione atriale persistente asintomatica. Ho subito:
nell'aprile 2007 cardioversione elettrica esterna di fibrillazione atriale con recidiva aritmica precoce;
Nel novembre 2007 SEE/ablazione transcatetere mediante radiofrequenze di fibrillazione atriale e flutter atriale;

All'ultima visita cardiologica del luglio 2010, il medico afferma Buona evoluzione cardiovascolare con compenso mobile. Bene FC e PA.
Nel maggio 2010 mi è stata diagnosticata una polimialgia reumatica, trattata con terapia Delatcortene a scalare dal maggio 2010 a novembre 2011.

Vi ringrazio per l'ascolto e l'aiuto.

[#1] dopo  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Quando è iniziata la diplopia era in un periodo di forte stress emotivo?
A volte insorge diplopia per scompenso di una foria dopo un trauma affettivo o dopo un episodio di forte stress emotivo
Cordiali saluti
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com

[#2] dopo  
Utente 233XXX

La ringrazio per la risposta,

No, non ero in periodo di stress.
Adesso ho notato un leggerissimo miglioramento il mattino, ma ritorno a vedere doppio.

cordialmente

[#3] dopo  
Dr. Carlo Orione

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Se migliora potrebbe essere stato un fatto infiammatorio, altrimenti attendiamo l'esito degli altri esami.

Mi tenga informato
Carlo Orione, MD
carlo.orione@orioneye.com
www.orioneye.com