Laser a eccimeri

Buonasera, circa 9 anni fa mi sono sottoposta ad un intervento di chirurgia refrattiva con laser a eccimeri, tecnica PRK, per correggere una miopia molto forte ad entrambi gli occhi (dx - 8.30 decimi, sin - 9).
A seguito di tale operazione ho recuperato tutti i 10/10, ma Fin da subito ho avuto secchezza oculare che è rimasta anche successivamente.
Questo ha causato una diminuzione dell acutezza visiva.
Recandomi da vari oculisti diverse diagnosi sono state fatte, ma fondamentalmente è sempre risultata secchezza oculare che ancora oggi mi porto dietro.
L ultimo oculista visto di recente ha tagliato corto dicendo che evidentemente l intervento non è riuscito e che necessito di occhiali.
Io però sperimento una condizione ben diversa da quella che avevo prima dell intervento dove a momenti di secchezza si alterna una lacrimazione eccessiva e brevi istanti di nitidezza della visione.
Altrimenti spesso la visione si appanna.
Vorrei sapere se è possibile che questa secchezza oculare possa in qualche modo aver danneggiato lo strato superficiale della cornea ed alterato di conseguenza la percezione visiva.
Grazie mille in anticipo.
[#1]
Dr. Vincenzo Orfeo Oculista 163 10
Gentile signora, la secchezza può certamente disturbare la visione in relazione alla sua gravità. Se nota che la sua visione migliora sensibilmente dopo avere messo una goccia di un sostituto lacrimale, allora il problema è certamente la secchezza. In tal caso deve trovare nella sua zona un oculista competente di superficie oculare e che non minimizzi il suo problema. Se avrà costanza nel fare la cura certamente riuscirà a migliorare di molto i suoi fastidi. Cordiali saluti

Prof. Dr. Vincenzo Orfeo
Direttore U.O.Oculistica Clinica Mediterranea, Napoli
Prof. a contr. Scuola Spec.Oftalmologia Università di Trieste

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test